Coronavirus, Coldiretti: “colpito pesantemente anche il settore ittico ligure”

pescatore al lavoro

Savona / Genova | Dallo strascico alla piccola pesca, con l’emergenza Coronavirus,  sono ferme in porto la maggior parte delle imbarcazioni liguri, mentre le lampare che avrebbero dovuto iniziare a fine marzo la stagione della pesca all’acciuga, hanno deciso al momento di non armare le barche, non potendo garantire la distanza necessaria tra l’equipaggio e non avendo, una volta giunti a terra, garanzia di vendita del loro pescato a miglio zero, essendo chiusi i classici canali, che  stagionalmente, attendono questo pesce locale, come ristoranti e alberghi.

offerteibslibri

Secondo Coldiretti Liguria “gli ulteriori limiti agli spostamenti imposti dal Decreto Emanato dal Governo per fermare il contagio da Coronavirus, stanno colpendo duramente anche le marinerie liguri dove si registra un crollo della domanda di pesce fresco causato principalmente dal cambio delle abitudini dei cittadini”. “Il calo delle richieste da parte di ristoranti e mense scolastiche, chiuse, ed i cambi delle abitudini alimentari delle famiglie, – afferma la responsabile di Coldiretti Impresa Pesca, Daniela Borriello –  stanno fortemente penalizzando la nostra pesca. Il risultato è la chiusura a cascata delle pescherie e dei mercati ittici all’ingrosso,  fino alle limitazioni della vera e propria attività di pesca, con il paradosso di favorire ulteriormente le importazioni dall’estero e la perdita di nuove quote di mercato. In Liguria, inoltre, a breve sarebbero dovute salpare le lampare con circa 70 membri di equipaggio che, vista la situazione, hanno deciso di posticipare l’inizio della pesca all’acciuga. È fondamentale prevedere fin da subito degli aiuti al settore e vista l’attuale situazione di emergenza sanitaria, sarebbe opportuno concordare, ad esempio per la pesca a strascico, l’anticipazione a questo periodo del fermo biologico previsto per legge. Inoltre per garantire, ad emergenza finita, una rapida ripresa di tutta la marineria ligure sarebbe importante prevedere la concessione di mutui a tasso zero finalizzati all’estinzione dei debiti bancari, garantiti dallo Stato direttamente o attraverso l’Ismea e strumenti agevolati di accesso al credito”.​

“La pesca, e tutte le attività ad essa connesse, è un settore di punta dell’economia regionale – affermano il presidente di Coldiretti Liguria, Gianluca Boeri e il delegato confederale Bruno Rivarossa –  che, come quello agricolo, sta subendo dei forti contraccolpi dettati dall’emergenza sanitaria in atto. Servono quindi immediati interventi di sostegno alle imprese e ai lavoratori, a partire dall’estensione al settore ittico delle esenzioni e delle misure per gli altri comparti produttivi in caso di perdita del fatturato derivante dall’emergenza Covid19, come nel caso in cui componenti dell’equipaggio siano messi in quarantena con conseguente arresto totale dell’attività.  Necessarie anche azioni straordinarie di sostegno all’occupazione tramite l’immediata estensione alla pesca della Cassa integrazione salariale operaia dell’agricoltura o l’utilizzo della Cassa integrazione straordinaria in deroga. Inoltre le norme previste per le attività agrituristiche in merito a mancate presenze e disdette vanno estese anche alle imprese di pesca che svolgono attività di ittiturismo e pescaturismo”.

Ultima revisione articolo:

ALTRE NOTIZIE di OGGI

Nessun articolo trovato.