Coronavirus Liguria, 25 positivi; primi casi a Finale Ligure

Coronavirus in Regione Liguria

Savona / Genova | Coronavirus: sono saliti a 25 i casi positivi presenti oggi in Liguria, dove ci sono anche 431 persone in vigilanza attiva.

Tutti i nuovi casi sono stati registrati nelle provincia di Savona; a Finale Ligure si è registrato in un hotel il primo caso positivo, un turista; la struttura, in cui sono presenti 39 ospiti lombardi (zona Cremona / Piacenza) – compreso quello risultato positivo al tampone – e 12 dipendenti, è già stata messa in quarantena, applicando tutte le procedure, secondo il protocollo già applicato nei giorni scorsi ad Alassio e Laigueglia. Risulta in corso anche un test per un marittimo a bordo di una nave a Vado Ligure, e si attendono i risultati. Per quanto riguarda gli ospiti dell’albergo finalese ora in quarantena, ha spiegato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, “ovviamente questi verranno riportati a fare sorveglianza volontaria attiva ai loro rispettivi domicili esattamente come abbiamo fatto per Alassio e per Laigueglia, non appena il coordinamento nazionale ci darà l’OK per il trasferimento; anche i 12 dipendenti, se possibile, saranno accompagnati ai loro domicili; se non sarà possibile dovranno restare in osservazione in albergo”. Altri 8 ospiti che erano restati “bloccati” ad Alassio dovrebbero rientrare domani.

I pazienti ricoverati negli ospedali liguri sono al momento 14: 1 alla Spezia, 2 a Imperia, 2 a Savona, 1 ad Albenga e gli altri al San Martino; tra i pazienti ricoverati a Genova c’è un paziente in terapia intensiva, in via miglioramento rispetto a 72 ore fa; un altro paziente è invece stato dimesso oggi. Incluso il caso di Vado, sono sei i tamponi per il test coronavirus ancora in corso di verifica in Liguria. Secondo l’evolversi della situazione, eventuali modifiche all’ordinanza n. 2 emessa da Regione Liguria domenica 1° marzo, anche in merito alla riapertura delle scuole, saranno adottate domani.

📺 Gli aggiornamenti sul Coronavirus in diretta dalla Regione Liguria

Pubblicato da Regione Liguria su Lunedì 2 marzo 2020