“La Savona della farinata”, luoghi, persone e storie

Mario Muda: “Il libro vuole raccontare i percorsi sociali e viscerali, sovente anche materiali, lungo cui si sono intrecciati aneddoti, curiosità, narrazioni. Un insieme che vuole essere un punto di partenza per la ricostruzione di un tracciato sentimentale e sociale che da secoli ormai ha caratterizzato una comunità"

Un forno a legna

Albissola Marina / Savona | Dire farinata è parlare di Savona. Quella bianca di grano, che solo qui si può gustare, e quella di ceci, il culto delle ‘fette’ e della panissa. Non è solo un’eccellenza gastronomica, ma molto di più. Al punto che un libro dedicato a lei, uscito solo da poche settimane, è già diventato un piccolo fenomeno editoriale, con la prima edizione esaurita in pochi giorni e già ristampata.

Ne è autore il giornalista Mario Muda, già vicedirettore de ‘Il Secolo XIX’, che ha avuto anche il merito di circondarsi, nello scrivere il testo, di una serie di collaboratori di rilievo: da Giovanni Assereto, ex ordinario di Storia moderna presso l’Università di Genova, a Umberto Curti, storico dell’alimentazione; da Giuseppe Milazzo, docente e scrittore, che rievoca la Savona nelle pubblicazioni, negli articoli e nelle poesie di Giuseppe Cava (Beppin da Cà), a personaggi, curiosità, memorie raccolti dallo studioso Giovanni Gallotti. E, ancora, Elio Ferraris, fondatore del Circolo degli Inquieti ed ex editore, e il saggista Alessandro Bartoli. Il vino, come elemento di cultura, è raccontato dal sommelier Andrea Briano. “Il libro – spiega Mario Muda – vuole raccontare i percorsi sociali e viscerali, sovente anche materiali, lungo cui si sono intrecciati aneddoti, curiosità, narrazioni. Un insieme che vuole essere un punto di partenza per la ricostruzione di un tracciato sentimentale e sociale che da secoli ormai ha caratterizzato una comunità”. 

L’appuntamento, organizzato de Nanni Basso per l’Associazione ‘La Fornace’, ha il patrocinio dell’amministrazione comunale di Albissola Marina: grazie alla disponibilità del Comune e dell’Associazione Cultura e Solidarietà presieduta da Donatella Ventura, viene utilizzata la sala conferenze del Centro esposizioni del MuDA (Museo Diffuso Albisola). Alla Fornace Alba Docilia, intanto, fino a domenica 1 marzo (orari: giovedì 17-19, sabato e domenica 10-12 e 17-19), prosegue la mostra dedicata alla Madonna di Misericordia. Il prossimo incontro con l’autore è in programma, invece, in Fornace, giovedì 27 febbraio alla ore 16,30: il poeta varazzino Mario Traversi, con il disegnatore Roby Ciarlo, presenterà il libro ‘Mestè de ‘na votta’.