Albisola, cerimonia per la bandiera della Federazione Provinciale AICI di Savona

Savona / Albisola | Domenica 2 febbraio 2020, ad Albisola Superiore, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, congiuntamente ai sodalizi locali di Alpini (ANA), Artiglieri (ANArtI), Carabinieri (ANC), Mutilati per Servizio (UNMS) e Centro XXV Aprile, l’Associazione Italiana Combattenti Interalleati (AICI), la cui bandiera nazionale è stata insignita della Medaglia della Liberazione, di cui quest’anno si celebra la 75° ricorrenza, indice “una giornata dedicata ai valori propugnati dalle nostre Istituzioni repubblicane”.

RobertoMichels

Alle ore 15, nella Chiesa di San Pietro antistante la stazione ferroviaria, durante la S. Messa avverrà la consegna e benedizione della bandiera della Fed. Prov.le AICI di Savona e la sottoscrizione del patto di mutuo riconoscimento e alleanza fra AICI e Centro XXV Aprile. Celebrerà don Lorenzo Mozzone, Parroco di Pareto (AL) e Cappellano della Scuola della Polizia Penitenziaria di Cairo M.tte, la Madrina sarà la sig.ra Elisa Gallo, di Bubbio (AT), in presenza del Presidente nazionale AICI dott. Vittorio Galoppini, proveniente da Mondovì (CN)

Dalle ore 16, presso la limitrofa sede ANA di corso Mazzini, Onori innanzi al Monumento ai Caduti, quindi gli indirizzi di saluto e la presentazione del volume “I 31 uomini del Generale. Un Maresciallo dei Carabinieri con Dalla Chiesa contro le Brigate Rosse” della MOVM Mar. CC Antonio Brunetti, di Imperia, introduce il Generale degli Alpini Marcello Bellacicco. Partecipa, inoltre, il dott. Piero Roso, Sindaco di Ponti (AL), attuale sede della rassegna “Dal Mare alle Langhe” promossa dal 2013 dal ramo piemontese di AICI – Centro XXV Aprile, accompagnato dagli ex Sindaci di Denice (AL), Nicola Papa, e Orsara Bormida (AL), Giuseppe Ricci. Delegazioni in arrivo da diverse località della Riviera e del Basso Piemonte.

L’assessore alla Cultura di Albisola Superiore, Simona Poggi, ha incoraggiato la presenza sul territorio di un testimone eccezionale quale Antonio Brunetti, uno tra i protagonisti della lotta contro l’eversione e membro del primo nucleo antiterrorismo creato nel 1974. “Dopo il successo della presentazione in numerose città italiane, il libro di Brunetti approda a Albisola per ripercorrere la travagliata storia del terrorismo. L’opera costituisce una memoria sorprendente, non tanto per la dettagliata analisi dei fatti riportati, quanto per l’inedita descrizione delle dinamiche interne alle unità preposte a contrastare l’eversione, con accenni alle modalità di reclutamento, addestramento e impiego” commenta Simona Poggi.

Ultima revisione articolo: