Comuni: dall’1 gennaio 2020 Fondo rotativo di ANCI Liguria

Uno strumento a disposizione degli enti locali liguri in difficoltà con le anticipazioni di tesoreria previste per la partecipazione a bandi regionali, nazionali ed europei

banconote euro alla mano

Savona / Genova | A partire dall’1 gennaio 2020 sarà operativo il Fondo rotativo di ANCI Liguria, uno strumento a disposizione degli enti locali liguri in difficoltà con le anticipazioni di tesoreria previste per la partecipazione a bandi regionali, nazionali ed europei.
Costituito da risorse proprie dell’Associazione che oggi conta l’adesione di tutti i 234 comuni liguri, più la città metropolitana e le 3 province, il Fondo è un “tesoretto” frutto di gestioni virtuose di bilancio che eroga agli enti prestiti infruttiferi temporanei, a titolo di anticipazione di cassa, utilizzabili sia per le spese a valere su fondi regionali, nazionali ed europei, al fine di consentire l’avvio immediato degli investimenti, sia per l’organizzazione di eventi e/o manifestazioni finanziati dai medesimi fondi. «Il sistema degli enti locali negli ultimi anni ha visto limitarsi l’indipendenza gestionale in termini di finanza e contabilità – afferma il presidente di ANCI Liguria Marco Bucci, sindaco di Genova – Con questo Fondo, a disposizione delle comunità liguri, vogliamo contribuire allo sblocco degli investimenti per i comuni, soprattutto i più piccoli, spesso in difficoltà nell’aggiudicarsi i finanziamenti dei bandi perché non dispongono della liquidità necessaria a garantire le anticipazioni di cassa richieste dalla compartecipazione dell’ente locale ai bandi. Questo significa contribuire ad investire nel territorio a beneficio dei cittadini», conclude Bucci.

Gli enti locali interessati al contributo potranno fare richiesta a partire dall’1 gennaio 2020. ANCI Liguria eroga il contributo agli enti locali richiedenti con precedenza per i comuni di piccole dimensioni, con popolazione fino a 5.000 abitanti. Gli enti si impegnano, con la sottoscrizione di apposita convenzione, a restituire l’importo in rate a tasso zero entro i successivi 12-24 mesi, a seconda dei casi, secondo le norme espresse nel Regolamento. La Commissione per l’ammissione al Fondo ha stabilito un budget di 200.000 euro per il primo bimestre 2020. «Un ulteriore intervento fortemente voluto dal presidente Bucci a sostegno soprattutto dei piccoli comuni – afferma il direttore generale di ANCI Liguria Pierluigi Vinai – Si tratta senza dubbio di uno sforzo notevole da parte dell’Associazione, che oggi mette a disposizione dei comuni il modesto tesoretto che ha messo da parte grazie ai principi virtuosi di bilancio che ha applicato negli ultimi anni. ANCI Liguria è una realtà piccolissima che, però, restituisce moltissimo al territorio».

La domanda va presentata a partire dall’1 gennaio via pec all’indirizzo anciliguria@pec.it. La gestione dell’istruttoria della pratica (non dell’assegnazione del contributo) tra l’ente associato e gli uffici di ANCI Liguria potrà avvenire nell’ambito di 30 giorni dalla ricezione della domanda, e comunque non oltre il 29 febbraio 2020.

Ultima revisione articolo: