Danni maltempo, cabina di regia a Palazzo Chigi

 Toti: “I primi stanziamenti, stando alle cifre comunicate, non sono sufficienti, ma il Governo ha assicurato che ci saranno integrazioni, mi auguro entro i trenta giorni previsti per le somme urgenze"

Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti firma richiesta danni

Genova / Roma | Si è riunita a Palazzo Chigi la cabina di regia “Strategia Italia” che ha fatto il punto sull’emergenza maltempo, cui hanno partecipato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore alle infrastrutture e alla protezione civile Giacomo Giampedrone. “Abbiamo preso atto, dall’informativa del Capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, che al consiglio dei ministri di questa sera dovrebbero passare i provvedimenti sugli stati di emergenza richiesti dalle regioni a seguito dell’ultima ondata di maltempo che ha investito la nostra penisola  – ha detto al termine il presidente Toti – I primi stanziamenti, stando alle cifre comunicate, non sono sufficienti, ma il Governo ha assicurato che ci saranno integrazioni, mi auguro entro i trenta giorni previsti per le somme urgenze”.

offertecooponline

“Abbiamo parlato inoltre della programmazione dei fondi di sviluppo e coesione – ha proseguito Toti – che va monitorata entro fine anno: abbiamo proposto come Conferenza delle Regioni di utilizzare una parte dei Fondi di Sviluppo e Coesione non spesi (di cui discuteva la cabina di regia oggi) per un grande piano di Protezione Civile modellato sui decreti di emergenza dello scorso autunno, e quindi immediatamente disponibili con criteri di spesa rapidi per le resilienze, la riduzione del rischio residuo e i danni non conteggiati dalle somme urgenze”. “Ci auguriamo che il Consiglio dei Ministri gia stasera stanzi i fondi necessari alla totale copertura delle somme urgenze di province e comuni, in modo da dare un primo e indispensabile sostegno alle istituzioni locali interessate dalle emergenze, ma è evidente che non può bastare: occorre intervenire con una legge che consenta di affrontare la grande mole dei danni subiti e di dare i risarcimenti indispensabili per l’economia dei territori flagellati dal maltempo”, ha concluso.

Ultima revisione articolo: