Raccolta differenziata Liguria: nuovi stanziamenti regionali

La Giunta ligure ha stanziato 2 milioni di euro per il finanziamento di programmi per lo sviluppo della raccolta differenziata

differenziata rifiuti

Savona / Genova | Circa 2 milioni di euro per il finanziamento di programmi per lo sviluppo della raccolta differenziata sono stati stanziati oggi dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone. Il riparto territoriale è stato così distribuito: Provincia di Savona 403.241,13 euro; Provincia di Imperia 375.480,39 euro; Città Metropolitana di Genova 755.417,78 euro; Provincia della Spezia 373.425,15 euro.

offertecooponline

“A livello regionale stiamo superando la quota del 50% di raccolta differenziata – ricorda l’assessore Giampedrone – un traguardo che prima della nostra legge non era neppure immaginabile. L’obiettivo da raggiungere rimane il 65% a livello regionale: è una battaglia anche culturale che stiamo vincendo, grazie al rispetto degli obiettivi fissati con la nostra legge (n.20/2015) e alle risorse che negli ultimi tre anni abbiamo sempre destinato interamente a favore dei Comuni in maggiore difficoltà nel traguardare gli obiettivi prefissati”.

I finanziamenti derivano in parte dall’ecotassa, che viene reinvestita al 100% in politiche ambientali, e in parte, per poco più di 774mila euro, dalla redistribuzione del contributo richiesto ai Comuni meno virtuosi, secondo un programma che coinvolge tutto il territorio regionale: il 50% dell’importo complessivo viene distribuito in parti uguali alle Province e alla Città Metropolitana di Genova, il 50% in base alla popolazione. “La quasi totalità di del contributo della Città Metropolitana è destinato a sostenere il programma di interventi predisposto dal Comune di Genova, per affrontare al meglio la battaglia su questo tema così importante e invertire la tendenza rispetto alla situazione attuale”, conclude Giampedrone.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Ultima revisione articolo: