Liguria, tutelare conducenti e passeggeri dei mezzi di trasporto pubblico

Salvatore: "negli ultimi mesi si sono verificati gravi e ripetute aggressioni nei confronti dei conducenti degli autobus, di passeggeri sulle linee di competenza AMT Genova, ATP in provincia di Genova, ATC Spezia, TPL Savona, e RT Imperia"

Un bus Tpl passa alla stazione di Savona

Savona / Genova | Durante il Consiglio regionale che si è tenuto oggi Alice Salvatore (M5S) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta da tutti i colleghi del gruppo, in cui ha chiesto alla giunta di adempiere al ruolo di Ente intermedio tra Comuni e Prefettura, affinché i soggetti preposti possano assumere iniziative per tutelare i conducenti e i passeggeri dei mezzi di trasporto pubblico della Regione. Il consigliere ha ricordato che negli ultimi mesi si sono verificati gravi e ripetute aggressioni nei confronti dei conducenti degli autobus, di passeggeri sulle linee di competenza AMT Genova, ATP in provincia di Genova, ATC Spezia, TPL Savona, e RT Imperia.

L’assessore ai trasporti Gianni Berrino ha risposto: «Per gli autobus acquistati dalle aziende di trasporto liguri è prevista la predisposizione di allestimenti per migliorare le condizioni di sicurezza di passeggeri e conducenti. Sono previsti sistemi di videosorveglianza che, per gli autobus acquistati con i fondi del Decreto Genova, comprendono l’installazione di telecamere nel comparto passeggeri e nella zona anteriore degli autobus, e pareti di protezione del comparto conducente. Gli autobus acquistati ammontano a circa 245 veicoli, dei quali 130 già in servizio sul territorio ligure». L’assessore ha aggiunto che «la Regione si è attivata con i Prefetti liguri per la convocazione di un tavolo per individuare e a mettere in atto ulteriori iniziative di tutela».

Ultima revisione articolo: