Necessari i fondi non autosufficienza e “dopo di noi”

OdG impegna la giunta ligure ad attivarsi presso il Governo perché sblocchi quanto prima il documento mancante presso il Mef (Ministero dell’Economia e delle Finanze) legato al primo Piano nazionale sulle non autosufficienze

Paolo Ardenti Consigliere Regione Liguria

Genova | Il Consiglio regionale questo pomeriggio ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, presentato da Paolo Ardenti (Lega Nord Liguria-Salvini) e sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta ad attivarsi presso il Governo perché sblocchi quanto prima il documento mancante presso il Mef (Ministero dell’Economia e delle Finanze) legato al primo Piano nazionale sulle non autosufficienze e sul riparto del fondo connesso in modo tale da evitare la perdita di risorse a tutela del settore. Nel documento si sottolinea che questo ritardo della procedura comporta per le Regioni un serio problema per l’assegnazione dei contributi dell’anno in corso alle famiglie.

Giovedì scorso, commenta il consigliere Ardenti, “si è riunita la Conferenza delle Regioni, ma all’ordine del giorno non stata inserita la pratica per approvazione del primo Piano nazionale sulle non autosufficienze e sul riparto del fondo connesso, anche se non esiste alcun problema tra le Regioni e il riparto delle risorse è condiviso e consolidato. Tuttavia, fino all’acquisizione dell’atto di concerto del Ministero dell’Economia e delle Finanze non sarà possibile iscrivere all’ordine del giorno il provvedimento. Considerato che tale ritardo comporta per le Regioni un serio problema per l’assegnazione dei contributi dell’anno in corso alle famiglie, ho voluto presentare questo documento per far sì che i fondi vengano sbloccati al più presto”.

Ultima revisione articolo: