Borgio Verezzi, nuova Stagione Teatrale invernale al “Gassman”

Un ricco programma pensato per raggiungere tutto il pubblico: “una nuova scommessa sull’arte e sulla cultura”

Barbara De Rossi e Francesco Branchetti

Borgio Verezzi | Tredici appuntamenti con il teatro, la musica e la danza. Dopo alcuni anni di attesa, ritorna finalmente la Stagione Teatrale invernale al “Gassman” di Borgio Verezzi. “È la ripresa di un discorso con gli spettatori che in realtà non si è mai interrotto, custodito e nutrito dall’humus culturale di un territorio che da oltre mezzo secolo si identifica con il teatro; è il portare avanti, anche nella stagione invernale, quel filo conduttore che il ‘Paese del Teatro’ non può esimersi dal tessere”.

Per questo è stato progettato un calendario che potesse ospitare, in continuità con i grandi nomi del Festival estivo, eccellenze scelte fra le migliori tournée italiane, con nomi noti e affermati e produzioni di prestigio. “Testi di prosa vivaci ed effervescenti, capaci di raccogliere il massimo gradimento da parte delle differenti tipologie di spettatori, accontentando tutte le generazioni”.

Con la Direzione artistica di Luca Malvicini e l’organizzazione tecnica della collaudatissima I.So. THeatre il “Teatro Gassman”, funzionalmente rinnovato, “torna così a proporre produzioni artistiche di livello, tentando allo stesso tempo, in accordo con le Compagnie Teatrali in calendario e grazie a un grande sforzo comune, la fidelizzazione del territorio attraverso una speciale campagna abbonamenti (non nominale ma “al portatore”, quindi di più agevole utilizzo) al costo di soli cento euro per tutti e sette gli spettacoli di prosa, che andranno in scena sempre alle ore 21. Un prezzo ragionevole e contenuto, per dare a tutti l’opportunità di esserci”.

LA STAGIONE TEATRALE INVERNALE DI BORGIO VEREZZI

Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti apriranno la stagione Venerdì 8 novembre con “PARLAMI D’AMORE” di Philippe Claudel,uno spettacolo sul rapporto tra uomo e donna, indagato nelle sue sfaccettature più vere, profonde ed intime. Una coppia in crisi profonda di valori e di punti di riferimento, duetta con pungente ironia rivelando le fragilità, debolezze e anche il candore dei due protagonisti.

Sabato 16 Novembre conIL MAESTRONEI miei anni con Francesco Guccini” «arriva a Borgio Verezzi lo straordinario Gian Piero Alloisio, che con il suo inconfondibile teatro-canzone racconta, dopo Gaber, l’altra grande avventura umana e artistica di cui è stato testimone: quella di scrivere, cantare e parlare di canzoni con Francesco Guccini, il “Maestrone”».

Venerdì 24 gennaio 2020, grande ritorno sulle scene di Flavio Bucci con Almerica Schiavo e Alessandra Puglielli in “E PENSARE CHE ERO PARTITO COSÌ BENE” di Flavio Bucci e Marco Mattolini. «Flavio Bucci si racconta “fuori dai denti”: la sua vita, la sua carriera, i successi e le defaillance, aneddoti e riflessioni filosofiche, citazioni dei suoi lavori e di quelli degli altri, consuetudini, vizi privati e pubbliche virtù dello spettacolo italiano e non, ritratti di personaggi celebri, gli amori, le dipendenze, i successi e le cadute… Un vulcano di spunti comici e rievocazioni emozionanti teso a far ricordare ai meno giovani – e a far conoscere ai meno vecchi – un periodo storico vivacissimo ed un protagonista straordinario.»

Per gli spettatori innamorati (e non), un San Valentino particolare, da festeggiare Venerdì 14 Febbraio insieme ad Anna Mazzamauro e Cristina Bugatty con lo spettacolo “BELVEDERE due donne per aria”. «Due donne velate di diversità, interpretano una storia ai limiti tra la commedia e la poetica felliniana. Santa, “pannosa” figura che sembra uscita da una tela di Botero, e Graziadio, una transessuale bellissima straziata e arricchita dalla sua duplice natura, si incontrano e si scontrano in un prepotente bisogno di vivere.»

Venerdi 28 febbraio sarà la volta del romantico“SUL LAGO DORATO” di Ernest Thompsoncon un cast stellare composto da Gianfranco D’Angelo, Sandra Milo, Fiordaliso e con Mario Scaletta e Nicola Paduano. «La commedia, divenuta celebre per la trasposizione cinematografica di Mark Ridell del 1981 con l’interpretazione degli Oscar Henry Fonda e Katherine Hepburn accompagnati da Jane Fonda, è qui interpretata da un cast nostrano e affiatato, capace di commuovere, far ridere e riflettere con leggerezza. Una commedia “divertente e sentimentale”, che interessa tre generazioni a confronto fra loro, un ironico ed affettuoso sguardo a mondi diversi che si ritrovano al di là delle convenzioni sociali e delle età, una commedia di divertente ironia e sentimenti che ha fatto sognare già tantissimi spettatori.»

“Cambiamo registro con una rappresentazione divertente e corrosiva, dal finale inaspettato”: in scena Giovedì 26 Marzo: “COCKTAIL PER TRE” di Santiago Moncada, interpretato da Miriam Mesturino, Franco Oppini e Marco Belocchi, che «mette a nudo le dinamiche di coppia e i concetti di fedeltà-amore-tradimento, servendosi di un’ironia e di un distacco che ne fanno, attraverso i personaggi perfettamente disegnati, una commedia godibile, brillante e intelligente.»

Venerdì 3 aprile, Barbara De Rossi e Francesco Branchetti chiuderanno la stagione con “UN GRANDE GRIDO D’AMORE”, «straordinaria pièce teatrale dell’autore Josiane Balasko, un vero e proprio “fenomeno” ormai noto in tutto il mondo per le sue creazioni di successo. Una storia intrigante e coinvolgente, che accompagnerà il pubblico in una serie di esilaranti situazioni e in un susseguirsi di equivoci, capaci di creare un’atmosfera speciale ricca di suspense e allo stesso tempo di grande tenerezza.»

IL PRIMO “DANCE FESTIVAL” DI BORGIO VEREZZI

In parallelo alla stagione di prosa, il Teatro Gassman si apre all’affascinante mondo della danza con il primo “Dance Festival”, una rassegna di grande valore didattico e culturale ideata e coordinata da Marcello Algeri Direttore del Ballo e Coreografo della Compagnia di Danza del Teatro di Stato dell’Opera e Balletto di Lviv in Ucraina, con la collaborazione di due realtà di eccellenza professionale del panorama della danza italiana: Ersilia Danza di VeronaAriston Proballet di Sanremo diretto da Sabrina Rinaldi.

«Gli spettacoli sono stati accuratamente scelti per raggiungere un duplice scopo: quello di iniziare e sensibilizzare alla fruizione della danza “nuovi spettatori”, e quello di offrire spettacoli di grande interesse e qualità per il pubblico già amante del genere. Oltre alle rappresentazioni serali, saranno organizzate repliche mattutine destinate alle scuole, per aprire e formare alla molteplicità dei linguaggi dell’arte gli studenti.»

Grande attenzione è stata rivolta ai giovani, incominciando dai più piccoli con la favola didattica di “CAPPUCCETTO ROSSO” (danza moderna) chestimola la creatività dei ragazzi che si identificano con gli artisti, in programma il 15 novembre, sino ad arrivare alla Divina Commedia di Dante Alighieri in scena il 27 marzo con “INFERNO” (danza neoclassica), uno spettacolo che unisce letteratura e danza, e allo stesso tempo affronta il tema del lavoro e dello sfruttamento minorile: l’opera è patrocinata dall’ILO-ONU (Organizzazione internazionale del lavoro – agenzia specializzata delle Nazioni Unite), sede di Ginevra.

Gli spettacoli della sezione dedicata al pubblico adulto spaziano dalla danza classica a quella contemporanea: il 20 dicembre andrà in scena lo “SCHIACCIANOCI  SUITE” (danza classica) che racconta la favola più conosciuta del repertorio di balletto, tipica del periodo natalizio, il25 gennaio 2020 sarà la volta di “SWAN”, una ironica e originale rielaborazione in danza contemporanea de “Il lago dei cigni” di Tchaikovsky, dove il cigno bianco alla fine si trasformerà in una fanciulla, simbolo di una nuova umanità. Il Dance Festival si concluderà poi con un “Galà finale” il giorno 18 aprile 2020, una vera e propria festa per tutti coloro che amano l’arte e la danza: si concretizzerà infatti una collaborazione fra scuole di danza, di teatro e di musica, locali e non, che affiancheranno artisti professionisti per creare uno spettacolo dove protagonista sarà l’ARTE e dove si tesserà quel filo conduttore che dalla scuola, attraverso la formazione, può portare alla professione.

A margine della stagione teatrale e del Dance Festival, sabato 9 novembre alle 21,15 e Domenica 10 novembre alle 17,30, il Gassman ospiterà il concerto-spettacolo “Viaggio musicale e teatrale nella canzone d’autore” della Compagnia teatrale e musicale Zêna Singers, con canzoni e musiche di Bindi, Conte, De Andrè, Endrigo, Fossati, Lauzi, New Trolls, Paoli, Tenco, brani teatrali, esibizioni di tango argentino (biglietto intero €. 12 – ridotto € 10 – Contatti ed informazioni per questo concerto: 333.6390910).


IN BREVE | Tredici appuntamenti con il teatro, la musica e la danza. Dopo alcuni anni di attesa, ritorna finalmente la Stagione Teatrale invernale al “Gassman” di Borgio Verezzi. In parallelo alla stagione di prosa, il Teatro Gassman si apre anche all’affascinante mondo della danza con il primo “Dance Festival”.


Ultima revisione articolo: