Legge elettorale regionale, Liguria Popolare: “nessun impegno programmatico nella maggioranza”

Legge elettorale, Andrea Costa e Gabriele Pisani: “Fondamentale garantire rappresentanza omogenea dei cittadini”

Gabriele Pisani e Andrea Costa di Liguria popolare

Savona / Genova | Qualche giorno fa in Regione Liguria la I Commissione Affari Generali, Istituzionali e Bilancio ha iniziato l’esame delle quattro proposte di legge di riforma del sistema elettorale regionale presentate da Lega Nord Liguria-Salvini, Movimento5Stelle, Partito Democratico e Liguria Popolare. Su proposta del presidente della Commissione, Angelo Vaccarezza, è stata istituita una Commissione Ristretta incaricata di trovare il modo di redigere una bozza unica da sottoporre al voto del Consiglio.

offertecooponline

Andrea Costa, leader di Liguria Popolare, e il capogruppo in Consiglio regionale Gabriele Pisani, sull’ipotesi di varare una nuova legge elettorale regionale mettono oggi alcuni paletti. A cominciare da una considerazione tutta politica: “Non c’è nessun impegno programmatico nella maggioranza per arrivare a cambiare la legge elettorale regionale”.

“Qualora si imboccasse questa strada – proseguono Costa e Pisani – e si arrivasse ad approvare, ad esempio, l’abolizione del ‘listino’, e noi abbiamo comunque presentato una proposta in tal senso, sarebbe fondamentale ripartire i 6 seggi in questione su una base che garantisca la rappresentatività dei territori in modo omogeneo. In ogni caso – continuano i popolari – non dobbiamo dire ai liguri che saremmo di fronte a una operazione di riduzione dei costi della politica visto che i consiglieri regionali resterebbero i 30 attuali”. 

“Inoltre, la Commissione ristretta chiamata ad analizzare le 4 proposte presentate da Lega Nord, Partito Democratico, Liguria Popolare e Movimento 5 Stelle dovrà affrontare un altro capitolo delicato, quello che riguarda la parità di genere: Liguria Popolare – concludono i consiglieri regionali – è contraria alla doppia preferenza perché pone una condizione vincolante rispetto alla seconda indicazione di voto, mentre è favorevole a quella tripla, un sistema già ampiamente collaudato nel maggio scorso in occasione delle elezioni europee e che non pregiudica la libertà dell’elettore”.


IN BREVE | Andrea Costa, leader di Liguria Popolare, e il capogruppo in Consiglio regionale Gabriele Pisani, sull’ipotesi di varare una nuova legge elettorale regionale mettono i puntini sulle “i”. A cominciare da una considerazione tutta politica: “Non c’è nessun impegno programmatico nella maggioranza per arrivare a cambiare la legge elettorale regionale”.


Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Ultima revisione articolo: