Torna il fai da te in cucina  con le conserve Made in Liguria

Coldiretti: “mettersi al lavoro tra matterelli, pentole e vasetti nella preparazione di conserve 'sovraniste' fatte in casa”

Funghi raccolti nei boschi in Liguria

Savona / Genova | Si è iniziato a luglio con le acciughe sotto sale del mar Ligure e le classiche marmellate di fichi e frutti di bosco, per proseguire fino all’autunno con le conserve di frutta e verdura locale, passata di pomodoro e funghi sott’olio: secondo Coldiretti “anche in Liguria si sta assistendo ad uno storico ritorno del fai da te in cucina, che, a livello nazionale, ha coinvolto milioni di italiani i quali hanno deciso di seguire i consigli dei nonni e mettersi al lavoro tra matterelli, pentole e vasetti nella preparazione di conserve ‘sovraniste’ fatte in casa per garantirsi una alimentazione più genuina, naturale e 100% nazionale”.

promozione tennis sport
Clicca l'offerta

Promozione. 20% di sconto sui prodotti Asics. Valido solo per gli aritcoli inclusi nella categoria speciale. Non cumulabile con altri sconti. Utilizza online questo codice sconto: 20ASICS

L’indagine Coldiretti/Ixe’ sulla nuova passione degli italiani è stata presentata nella giornata conclusiva del Villaggio contadino di Bologna, “rassegna che in soli tre giorni ha visto oltre 600 mila persone affollarsi presso i 400 stand tra mercati degli agricoltori, aree del gusto, street food, stalle, agriasili, fattorie didattiche, orti, antichi mestieri, pet therapy, agrichef, laboratori, trattori e nuove tecnologie e workshop”.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

“Questo ritorno al fai da te culinario – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa –  dimostra una sempre maggiore attenzione a quello che gli italiani mettono in tavola, per evitare di consumare, soprattutto durante l’inverno, prodotti surgelati o provenienti dall’estero che hanno dovuto percorrere migliaia di chilometri per raggiungere le nostre case. Il conservare, ad esempio, le acciughe sotto sale nelle tipiche “”arbanelle liguri è un modo per avere acciughe a disposizione tutto l’anno per le proprie ricette: è una preparazione tradizionale che sempre più spesso viene fatta a luglio nelle case dei liguri, utilizzando solo le acciughe portate a terra dalle nostre lampare che, dopo essere state abbattute, vengono conservate nel sale”.

“Ma non solo: anche la frutta e verdura locale e, in questa stagione, i funghi presenti nel nostro bosco vengono conservati sott’olio o sotto aceto per avere sempre a disposizione i propri preparati interamente a km0. Per chi non fosse pratico di cucina può sempre rivolgersi alle aziende del territorio o ai mercati di Campagna Amica Liguria dove è possibile trovare sempre, oltre a frutta e verdura freschi di stagione, anche trasformati, miele, formaggi, carni e salumi interamente made in Liguria” conclude Boeri.


IN BREVE | Secondo Coldiretti “anche in Liguria si sta assistendo ad uno storico ritorno del fai da te in cucina, che, a livello nazionale, ha coinvolto milioni di italiani i quali hanno deciso di seguire i consigli dei nonni e mettersi al lavoro tra matterelli, pentole e vasetti nella preparazione di conserve ‘sovraniste’ fatte in casa per garantirsi una alimentazione più genuina, naturale e 100% nazionale”.


Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: