Sca: triplo intervento su condotta fognaria e rete idrica

L’intervento più ingente deve arginare e risolvere la rottura sulla rete fognaria che si è verificata stamani, sotto la sede Municipale, con conseguente sversamento in Rio del Cardellino

sca interventi ad Alassio

Alassio.

Tecnici e dirigenti Sca al lavoro. L’intervento sicuramente più ingente è stato quello, tuttora in corso per arginare e risolvere la rottura sulla rete fognaria che si è verificata stamani, sotto la sede Municipale, con conseguente sversamento in Rio del Cardellino. Gli uomini della Sca sono subito intervenuti con un’idrovora e con una pompa di sentina per riassorbire e impedire lo sversamento. In questo momento sono all’opera per riparare la condotta. Al termine si provvederà ad un’opportuna disinfezione del sito e ai controlli di legge.

“Si tratta di un problema ben diverso – spiega Emanuela Preve, Presidente di Sca – rispetto a quello registrato nel maggio 2019 quando Sca era intervenuta su una vasca – non di propria proprietà e competenza in Piazza Partigiani – che convoglia i liquami dei bagni marini limitrofi. Erano bruciate due pompe e per evitare ogni problema Sca, a proprie spese, ha provveduto a sostituire le due pompe con due di nuova generazione”. Durante tutta la stagione, infatti le campionature dell’Arpal, facilmente riscontrabili sul loro sito ufficiale,  hanno sempre registrato ed evidenziato l’eccellente qualità delle acque del litorale alassino, anche e soprattutto sul centralissimo Rio Cardellino.

“Nel pomeriggio – prosegue Preve – interverremo sulla condotta in Via Vigo della quale abbiamo registrato una rottura. Poiché la perdita insiste su una proprietà privata, abbiamo dovuto richiedere le opportune autorizzazioni per l’intervento che inizierà a partire dalle 14. Si tratta però di una rottura e di un intervento che non ha creato e non dovrebbe creare disagi all’utenza. Stamani invece abbiamo provveduto a sostituire un tratto di condotta in Via Vespucci. In questo caso e solo limitatamente all’area interessata, abbiamo interrotto l’erogazione dell’acqua per circa un’ora e mezza dopo averne data ampia, preventiva e opportuna informazione all’utenza”.

Ultima revisione articolo: