“Pulcinella senza maschera”: a Borgio Verezzi Omaggio a Massimo Troisi

Savona / Borgio Verezzi. Dopo tre anni di pausa forzata dovuta ai lavori di ristrutturazione del Cinema Teatro Gassman e alle procedure per l’affidamento esterno della gestione, torna la storica Rassegna Cinematografica estiva di Borgio Verezzi. L’Amministrazione Comunale, dopo aver terminato i lavori di riqualificazione del teatro, completati con la recente sostituzione dell’impianto di condizionamento, è oggi nuovamente in grado di ospitare il grande cinema a Borgio Verezzi, che per decenni ha affiancato e completato l’importante esperienza del Festival Teatrale estivo. Torna dunque la Rassegna Cinema di fine agosto, grazie alla preziosa collaborazione di I.So THeatre (gestore del Teatro, con direzione artistica di Luca Malvicini) e del Club Amici del Cinema di Genova, e lo fa in modo davvero speciale con un Omaggio a Massimo Troisi, nella ricorrenza del 25ennale della scomparsa (1994-2019), offrendo al pubblico quattro proiezioni serali ad ingresso libero, scelte fra quelle più significative interpretate e dirette dall’amatissimo attore e regista napoletano.

offertecooponline

«Attore, regista, sceneggiatore e cabarettista italiano amatissimo dal pubblico, Massimo Troisi è uno dei più popolari esponenti della nuova comicità napoletana nata negli anni Settanta: soprannominato «il comico dei sentimenti» o il «Pulcinella senza maschera» (da qui il titolo scelto per la Rassegna), è stato uno dei maggiori interpreti nella storia del teatro e del cinema italiani. Formatosi sul palcoscenico teatrale, istintivo erede di Eduardo De Filippo e di Totò, cominciò la sua carriera col gruppo ‘I Saraceni’ e poi con gli inossidabili amici de ‘La Smorfia’ (Lello Arena ed Enzo Decaro, quest’ultimo protagonista proprio quest’estate della Prima Nazionale “Non è vero ma ci credo” di Peppino De Filippo, al Festival Teatrale verezzino). Il successo del trio, inatteso e immediato, consentì al giovane Troisi di esordire al cinema con ‘Ricomincio da tre’ (1981), il film che decretò il suo trionfo come attore e come regista. Dall’inizio degli anni ottanta si dedicò esclusivamente al cinema interpretando dodici film e dirigendone quattro. Malato di cuore sin dall’infanzia, morì il 4 giugno 1994 a Roma per un fatale attacco cardiaco, conseguente a febbri reumatiche. Il giorno prima terminò la sua ultima pellicola, ‘Il Postino’, per la quale è stato poi candidato all’Oscar come miglior attore e per la miglior sceneggiatura non originale. Con il suo stile inconfondibile e la sua innata capacità espressiva verbale, mimica e gestuale, accostava con naturalezza ruoli comici e riflessivi senza mai diventare banale o scontato. Con lui nacque la nuova tipologia napoletana di “antieroe”, vittima dei tempi moderni, un personaggio ancora attuale perché capace di riflettere i dubbi e le preoccupazioni delle nuove generazioni.»

La Rassegna borgese seguirà cronologicamente alcune delle tappe fondamentali della carriera e della vita di Troisi, dal primo film girato “dietro” la macchina da presa, all’ultimo terminato solo poche ore prima della prematura scomparsa. Domenica 25 agosto la rassegna partirà con il folgorante film d’esordio di Troisi (1981) “Ricomincio da tre”,pellicola che ottennegrande successo di pubblico e critica, con incassi record e la vittoria di due David di Donatello, per il miglior film e per il miglior attore protagonista; Lunedì 26 agosto sarà la volta dell’esilarante “Non ci resta che piangere”, diretto e interpretato dalla irresistibile coppia Benigni-Troisi (1984); Martedì 27 agosto assisteremo a “Le vie del signore sono finite”, scritto, diretto ed interpretato nel 1987 da Troisi, Nastro d’argento per la miglior sceneggiatura. La Rassegna terminerà Mercoledì 28 agosto con “Il postino” (1994), ultima commovente interpretazione dell’attore, per la regia di M. Radford e dello stesso Troisi: morirà a 41 anni, poche ore dopo la fine delle riprese. Le proiezioni inizieranno tutte alle ore 21,15 e saranno ad ingresso libero: per chi lo vorrà, sarà possibile lasciare un contributo simbolico di 1 € a favore della Rassegna e della Biblioteca Civica di Borgio Verezzi, che da molti anni collabora all’organizzazione di questo speciale evento culturale. Il locale è climatizzato, e il servizio bar resterà aperto durante le serate di proiezione.

Come anticipato, la 27^ Rassegna Cinematografica di Borgio Verezzi si avvarrà della qualificata collaborazione del Club Amici del Cinema di Genova, uno dei principali centri di cultura cinematografica della Regione Liguria. Attivo fin dal 1976 a Sampierdarena, presso la Sala d’essai Don Bosco e il Centro Civico Buranello, il Cineclub ha avviato nel corso degli anni numerose collaborazioni di pregio con varie realtà liguri: dal Missing Film Festival a In Mezzo scorre il fiume, dal Premio Stefano Pittaluga all’Arena della Fortezza, dal Sarzana DOC Festival agli Incontri Cinematografici di Balestrino. L’auspicio è quello che la neonata collaborazione con il Comune e I.So THeatre in occasione della Rassegna, sia non solo garanzia di qualità, cultura e passione per il cinema, ma anche l’inizio di un possibile progetto futuro di programmazione cinematografica d’essai e culturale a Borgio Verezzi.

Il sindaco Renato Dacquino: “Dopo tre anni, e dopo tanti sforzi e ostacoli da superare, abbiamo finalmente ultimato i lavori di ristrutturazione, sostituito interamente l’impianto di condizionamento e restituito al nostro bel Teatro Gassman l’efficienza necessaria per ospitare piccoli e grandi eventi e per essere un vero centro di aggregazione culturale del territorio. L’affidamento della gestione del Gassman alla I.So THeatre diretta da Luca Malvicini – continua il Sindaco – ci ha inoltre permesso di riprendere al meglio tutte le rassegne tradizionalmente organizzate nel teatro comunale, da Ragazzi sul Palco, al Festival UNITRE, alla Rassegna Cinema; il Club Amici del Cinema, con il quale per la prima volta collaboriamo, è un nuovo partner strategico e di qualità sul quale contiamo per tentare insieme ai gestori del Teatro una rivalutazione del ruolo del cinema sul nostro territorio. L’Omaggio a Troisi nel 25mo anno della scomparsa ci è parso naturale, quasi un atto dovuto: grande ed indimenticato attore e regista italiano, crediamo che ben si possa affiancare ai tanti altri grandi nomi della storia del cinema italiano omaggiati negli anni dalla nostra Rassegna… Siamo certi che la sala del Gassman sarà gremita anche stavolta, per queste quattro serate da vivere all’insegna del bel cinema e del ricordo del nostro “Pulcinella senza maschera”.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Ultima revisione articolo: