Lagardère sigla con i sindacati il nuovo contratto integrativo aziendale

Savona / Roma. Buone notizie per i dipendenti del Gruppo Lagardère. Dopo tre anni di trattativa la direzione del gruppo leader mondiale​ del Travel Retail – presente in 35 paesi nel mondo​ con oltre 4.600 negozi Travel Essentials, Duty Free&Luxury e Foodservice​ negli aeroporti, stazioni ferroviarie e altre strutture – ha siglato con i sindacati il rinnovo del contratto integrativo aziendale atteso da 11 anni.

Salute e sicurezza, diritti individuali per maternità, ferie solidali, contrasto alle molestie sessuali sul luogo di lavoro, trattamento economico della malattia e relazioni sindacali i punti cardine dell’intesa che contempla anche il salario variabile fino a 500 euro, convertibili volontariamente in prestazioni welfare; in tal caso l’Azienda aggiungerà il 10% della cifra maturata. Un importante compromesso è stato raggiunto sul salario integrativo aziendale: l’integrativo definisce un meccanismo di consolidamento per gli assunti fino al 31 luglio 2019~per il canale autostradale, con un ulteriore pacchetto di welfare che per la durata dell’accordo incrementerà le retribuzioni fino a 120 euro annui. Per i nuovi assunti nei canali non autostradali il pacchetto welfare partirà dopo un anno dall’assunzione con importi che potranno raggiungere i 600 euro dopo 4 anni di lavoro.

I sindacati hanno espresso soddisfazione per il risultato contrattuale, maturato in un contesto di grande concorrenza e mutabilità di mercato, è particolarmente rilevante considerando anche le trattative aperte con gli altri operatori della ristorazione in concessione. La funzionaria sindacale della Fisascat Cisl Elena Maria Vanelli sottolinea «il buon equilibrio del nuovo contratto basato su norme del passato trasformate in risorse innovative». Per la sindacalista «l’intesa introduce importanti norme sociali e di tutela come il contrasto alle molestie sessuali in linea con la recente raccomandazione dell’ILO».