Allagamenti ad Albenga, Vannucci: “Se c’è allerta il mercato non si fa”

Albenga. Se c’è allerta meteo di livello significativo, per precauzione è consuetudine la chiusura dei luoghi pubblici e la sospensione di manifestazioni ed eventi, dunque anche il mercato non si fa. Il maltempo ha portato forti precipitazioni, questa notte e stamattina, un po’ in tutta la Liguria e ad Albenga si sono allagate alcune vie, con disagi che si sono verificati anche in via Deportati Albenganesi, nella zona della foce del fiume Centa dove arriva anche il mercato settimanale del mercoledì. È così di nuovo rispuntata oggi – per voce di Mauro Vico dell’associazione di categoria Fiva Savona – la vecchia polemica sullo spostamento, avvenuto qualche mese fa, degli ambulanti da via Dalmazia al lungo Centa.

“Stupisce – ha commentato l’assessore con delega al commercio, Mauro Vannucci – che una persona incaricata di rappresentare una categoria di commercianti come quella degli ambulanti non sappia che in caso di Allerta Meteo, così come viene disposta la chiusura dei luoghi pubblici, il mercato non viene fatto. Purtroppo i disagi che si sono verificati sono stati determinati da un’ondata di maltempo che ha indotto all’emanazione del massimo stato di allerta previsto per temporali”. Per quanto riguarda gli allagamenti, precisa Vannucci, “come Comune ci siamo prontamente attivati sia per presidiare il territorio che per intervenire sulle problematiche attraverso la preziosa collaborazione dei nostri operai, tecnici comunali, volontari di protezione civile e operatori SAT.”

La decisione di spostare il mercato sul Lungocenta, ha ribadito ancora una volta il sindaco Riccardo Tomatis, “è stata apprezzata da cittadini e da molti dei commercianti che abbiamo ascoltato e che ci hanno manifestato il loro apprezzamento. In particolare i cittadini che risiedono in zona Vadino hanno sottolineato come per loro attualmente sia più comodo raggiungere il mercato e come lo frequentino assiduamente proprio grazie alla sua nuova posizione”, conclude il sindaco. (effe)