Malnatt, il gusto del riscatto: nasce la birra delle carceri di Milano

Nella foto (da sn): Pietro Buffa (Provveditore Regionale Amministrazione Penitenziaria), Cristina Tajani (Assessore Politiche Lavoro Comune MI) e Giacinto Siciliano (Direttore di San Vittore)

Savona / Milano. Si chiama “Malnatt, il gusto del riscattol’innovativo progetto brassicolo della città di Milano che vuole accendere l’attenzione sul tema e il valore del reinserimento delle persone carcerate ed ex-carcerate nel mondo produttivo. Il progetto nasce dalla collaborazione tra i Direttori dei tre Istituti penitenziari milanesi di Bollate, Opera e San Vittore e un gruppo di imprenditori ed esercenti del territorio milanese, grazie al supporto del Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria e del Comune di Milano.

Finalità del progetto è rafforzare ulteriormente il ponte tra le attività educative e produttive svolte in carcere e il territorio milanese: grazie alla filiera birraria, Malnatt darà un’opportunità concreta di formazione e lavoro ad alcuni detenuti ed ex-detenuti, in particolare nelle fasi di produzione – presso l’Azienda Agricola La Morosina nel Parco del Ticino – e di distribuzione presso la società Pesce. A tendere, l’inserimento potrà coinvolgere anche le attività di servizio grazie alla collaborazione con gli esercenti che si renderanno disponibili.L’obiettivo atteso, a 24 mesi dal lancio, è duplice: reinserire almeno dieci detenuti o ex-detenuti e generare risorse per sostenere ulteriori progetti che procurino ricadute positive sul sistema di esecuzione penale. Alla presentazione – avvenuta oggi a Palazzo Marino – erano presenti l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani con il Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria, Pietro Buffa, e l’ideatore del progetto Massimo Barboni, oltre a Giacinto Siciliano, Direttore di San Vittore, Antonella Tucci, Direttore aggiunto di Opera, Silvana Resta, Responsabile Area  educativa di Opera, e Matilde Napoleone, Funzionario Giuridico Pedagogico di Bollate.

Birre Malnatt

Le birre Malnatt, attualmente in fase di distribuzione presso il canale horeca e moderno, sono birre agricole – ovvero prodotte con materie prime coltivate in loco presso La Morosina – ad alta fermentazione, non pastorizzate, non filtrate e rifermentate in bottiglia o in fusto. Tre saranno le referenze prodotte e dedicate ai tre istituti carcerari di Milano: Malnatt San Vittore, birra chiara non filtrata di solo malto d’orzo; Malnatt Bollate, birra di frumento; Malnatt Opera, birra rossa. Nome e logo di Malnatt (termine del dialetto milanese che sta affettuosamente a significare “nato male”), ideati da Take, l’Agenzia di comunicazione partner del progetto, pongono in particolare l’accento sulla milanesità del progetto e sulla cultura popolare meneghina. Non a caso, è un malnatt il protagonista di Ma mi, la celebre canzone, scritta da Giorgio Strehler e cantata da Ornella Vanoni e poi da Enzo Iannacci, che racconta di una detenzione nel Carcere di San Vittore. (effe)