Appello Enpa: attenzione a daini, caprioli, leprotti, starne, fagiani e pavoncelle…

Savona / Albenga.

Savona / Albenga. In questa stagione, durante  lo sfalcio dei prati (fienagione) i cuccioli di animali selvatici nascosti tra l’erba alta corrono il serio rischio di essere uccisi o gravemente mutilati dalle lame; “sono soprattutto giovanissimi daini, caprioli e leprotti ma anche starne, fagiani, pavoncelle e rettili” dice la Protezione Animali savonese lanciando l’appello alla massima attenzione a contadini e agricoltori “per evitare incidenti usando accortezze, che sicuramente sanno i professionisti ma, forse, non ancora qualche appassionato di giardinaggio”.

Il maggior pericolo, ricorda l’Enpa, «è nei prati con una vegetazione fra i 30 e i 130 cm di altezza e la raccomandazione  è quella di eseguire un controllo il più possibile accurato prima di mettere in moto la falciatrice; gli specialisti consigliano di iniziare i lavori dal centro dell’appezzamento e procedere in modo centrifugo verso l’esterno, mentre modalità e strumenti idonei possono essere la ricerca con catene umane e cani o con droni e, per salvaguardare i volatili che nidificano tra l’erba, usare barre d’involo o sistemi acustici; se si trovano daini, caprioli o lepri è consigliabile interrompere i lavori e riprenderli più tardi, quando la madre sarà tornata a recuperare il piccolo; in nessun caso lo si dovrà toccare, raccogliere e portare via, pensandolo abbandonato, perché abbandonato non è: la madre è infatti a pascolare (o fuggita per lo spavento) nelle vicinanze e sicuramente tornerà a cercarlo più tardi. Particolarmente pericolosi sono infine i robot tagliaerba automatici, spesso silenziosi, attivati la notte nei giardini, per ricci ed altri animali, selvatici e domestici, con abitudini notturne.»