Spotorno, prosegue l’ampliamento della Residenza protetta “Opera Pia Siccardi”

Savona / Spotorno. Proseguono i lavori di ampliamento della Residenza protetta “Opera Pia Siccardi” di Spotorno. Gestita da “Sereni Orizzonti”, il gruppo friulano guidato da Massimo Blasoni, questa struttura socio-assistenziale residenziale ospita attualmente 63 anziani non autosufficienti, parzialmente autosufficienti e psichiatrici stabilizzati. I lavori nel cantiere di via Verdi termineranno a fine anno e nel successivo mese di aprile potrà essere consegnata una struttura in grado di accogliere complessivamente ben 103 ospiti. Il nuovo edificio in via di costruzione sarà di quattro piani fuori terra con pianta a “T” con braccia irregolari, distribuito in 5 nuclei residenziali distinti dotati di controllo accessi per monitorare i movimenti degli ospiti affetti da demenza senile. Al piano terra sono previsti la reception e gli uffici amministrativi, un salotto per i visitatori e un salone per le attività ricreative, una palestra per la riabilitazione, un ambulatorio medico, gli spogliatoi per il personale e una sala per servizi alla persona (podologo e parrucchiere). Tanto al primo quanto al secondo piano si troveranno invece una sala da pranzo e un soggiorno, servizi igienici per gli ospiti e un nucleo abitativo da 20 posti letto suddiviso in 10 camere doppie. Il piano sottotetto ospiterà a sua volta un quinto nucleo abitativo per altri 12 ospiti autosufficienti alloggiati in 6 camere doppie.



«Tutte le stanze saranno ampie e luminose, dotate del proprio bagno per disabili, arredate in modo confortevole e fornite di letti motorizzati, serramenti con tapparelle domotiche, sistema di chiamata e sensori antincendio. Per ogni piano sono previsti due bagni assistiti con barella doccia o sedia doccia. I locali verranno dotati di ventilazione meccanica controllata (VMC), che consente un ricambio di aria pulita e asciutta senza dover aprire le finestre ma recuperando dall’aria il calore che viene espulso. La climatizzazione è stata studiata per offrire agli ospiti il massimo del comfort e della sicurezza: quella invernale sarà assicurata da un impianto di riscaldamento a pavimento (e quindi privo di caloriferi) mentre quella estiva sarà realizzata con un innovativo sistema che rinfrescherà gli ambienti senza fastidiose correnti d’aria». La nuova struttura sarà unita a quella esistente tramite un corpo di collegamento con livello di piano e copertura. Il progetto prevede anche alcuni adeguamenti minori dell’edificio esistente, consistenti principalmente nell’ampliamento della cucina e nel cambio di destinazione d’uso di una camera al piano terra che verrà adibita a ufficio amministrativo.



Come tutte le altre recenti costruzioni di “Sereni Orizzonti” nel resto d’Italia, «anche questo edificio presenterà caratteristiche all’avanguardia per quanto riguarda l’ecosostenibilità e il risparmio energetico. Realizzato in classe energetica A3, produrrà autonomamente circa 250.000 kWh di energia (pari al 60% del suo intero fabbisogno), con una riduzione complessiva dell’emissione in atmosfera di oltre 100.000 Kg all’anno di anidride carbonica. Un risultato notevole ottenuto grazie all’isolamento termico dell’edificio, all’impianto fotovoltaico sul tetto, all’impianto solare termico per uso sanitario e riscaldamento, al recuperatore termodinamico del calore contenuto nell’aria espulsa e alla pompa di calore ad alta efficienza che in gran parte utilizza energia rinnovabile». Con la ristrutturazione e l’ampliamento della RSA di Spotorno il gruppo “Sereni Orizzonti” – presente in Italia e in Germania con 77 strutture per complessivi 5.500 posti letto – consolida la sua presenza in Liguria. Altre sue 6 residenze operano infatti da tempo a Savona (“Villa Rossa”), ad Alassio (“Dottor Giacomo Natale”), a Borghetto Santo Spirito (“Humanitas”), a Calice Ligure (“Villa Alfieri”), a Busalla (“Villa Macciò”) e a Recco (“San Francesco”) mentre a Genova Sestri Ponente verrà presto inaugurata una RSA completamente ristrutturata in grado di ospitare altri 110 anziani non autosufficienti.

Ultima revisione articolo: