25 Aprile a Finale Ligure, Linea Condivisa “con i giovani antifascisti per dire NO a Mussolini cittadino onorario”

Tursipione nuota davanti al litorale di Finale Ligure

Finale Ligure. Linea Condivisa sarà presente a Finale Ligure con i suoi rappresentanti per le celebrazioni del 25 aprile, manifestando a fianco dei Giovani Antifascisti di Savona contro la scelta dell’amministrazione comunale di non revocare la cittadinanza onoraria al Duce; il comune nei giorni scorsi ha deciso che sarà costituita una commissione ad hoc per valutare a fondo la questione. «Per commentare la vicenda avvenuta a Finale, prendiamo in prestito le parole della senatrice Liliana Segre: “la democrazia si perde pian piano, nell’indifferenza generale, perché fa comodo non schierarsi”. In effetti è quanto accaduto lo scorso 19 marzo, quando la consigliera di opposizione Simona Simonetti ha presentato un OdG in cui si chiedeva la revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini. Il consiglio comunale, però, ha preferito non decidere, delegando a una commissione questa decisione che appariva scontata – dichiara Linea Condivisa -. Saremo a fianco di Adele Vizzini e dei Giovani Antifascisti per contestare questa “non-decisione”, partecipando alla manifestazione pacifica che si terrà in concomitanza con le cerimonie ufficiali. Restiamo fermi nella convinzione che la lotta alla violenza, al razzismo dilagante e alle discriminazioni passi evidentemente anche dall’antifascismo».

linea condivisa contrario fascismo

«I Giovani Antifascisti ci ricordano che il peso della storia va riaffermato. Ed è necessario schierarsi, prendere una posizione chiara. Al contrario del Ministro dell’Interno, che di solito preferisce disertare le iniziative del giorno della Liberazione dal nazifascismo – sottolinea Linea Condivisa -. Bisogna dare atto a questi ragazzi che, grazie a loro, la nostra storia democratica viene proiettata nel futuro, con coraggio e determinazione. Un messaggio prezioso, che restituisce speranza».