Modifiche leggi su tutela della biodiversità e “aree protette”, dibattito in Consiglio regionale

Genova / Regione Liguria. Nella seduta della mattina Consiglio è iniziato il dibattito sul disegno di legge 210 che modifica la legge regionale n.12 del 1995 (Riordino delle aree protette) e della legge regionale n.28 del 2009 (Disposizioni in materia di tutela e valorizzazione delle biodiversità). Dopo la presentazione di tre relazioni di minoranza è stato aperta la discussione generale sul provvedimento.

promozione tennis sport
Clicca l'offerta

Promozione. 20% di sconto sui prodotti Asics. Valido solo per gli aritcoli inclusi nella categoria speciale. Non cumulabile con altri sconti. Utilizza online questo codice sconto: 20ASICS

Giovanni De Paoli, in qualità di presidente della IV Commissione che ha licenziato con voto favorevole a maggioranza il testo, ha illustrato nel dettaglio il disegno di legge. «Il provvedimento interviene sulla normativa in materia di aree protette il cui sistema, disciplinato dalla legge regionale 22 febbraio 1995, n. 12, richiede una revisione e un aggiornamento. Si è quindi è proceduto – ha spiegato – ad una ricognizione per coordinare l’articolato eliminando le discipline transitorie, i riferimenti e le classificazioni o denominazioni non più attuali, rivedendo le aree protette esistenti, anche istituite successivamente alla legge, e i confini dei parchi naturali, analogamente a quanto avvenuto, mediante precedenti leggi regionali, in linea con la normativa nazionale quadro». De Paoli ha sottolineato: «La revisione ha portato alla soppressione delle aree di interesse provinciale di Savona, di fatto non operanti né finanziate e comunque soggette alle tutele di cui ai Siti Natura 2000 affidati alla gestione della Amministrazione provinciale, e all’abrogazione della norma che prevedeva il parco del Finalese, mai istituito per carenza di risorse, ma il cui territorio di riferimento – ha assicurato – è comunque largamente ricompreso nella Zona Speciale di Conservazione “Finalese-Capo Noli”». Il presidente della IV Commissione ha rilevato che «sono previste migliori formulazioni degli obiettivi del piano del parco e una più precisa specificazione della procedura di approvazione, anche alla luce dell’evoluzione della normativa in materia di VAS e VIA, oltre alla revisione delle sanzioni amministrative». Fra gli altri aspetti del provvedimento De Paoli ha sottolineato: «Il disegno di legge interviene anche sulla legge regionale 10 luglio 2009 n. 28 in materia di tutela e valorizzazione della biodiversità, aggiornandola alla luce delle competenze regionali anche in tema di VAS, approntando una più completa e precisa regolamentazione dei piani di gestione dei Siti Natura 2000 in considerazione dell’evoluzione avvenuta in materia: viene rivisto il procedimento di approvazione del piano di gestione e se ne prevede la valenza di conservazione specifica del Sito. Sono – ha concluso – previste specifiche disposizioni per i piani di gestione integrati in altri piani territoriali e viene resa definitiva l’individuazione degli enti gestori in seguito alla definizione delle procedure previste a livello comunitario e nazionale».

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Marco De Ferrari (Mov5Stelle) ha illustrato la relazione di minoranza analizzando ogni singolo articolo.«Il disegno di legge – ha aggiunto – contiene norme che mirano chiaramente a ridurre l’estensione della tutela naturalistica di aree di pregio. Per non parlare delle norme che prevedono una soppressione ex lege di aree tutelate e una disciplina non chiara sui poteri sostitutivi della Regione in materia». Forti critiche sono state espresse anche sul rifiuto della giunta di inserire nel parco il territorio comunale di Urbe e sulla mancata realizzazione del parco del finalese. «Con questo provvedimento il centrodestra ligure riperimetrerà al ribasso – ha aggiunto – i confini di quattro parchi regionali di assoluto pregio, perdendo di fatto circa 1000 ettari di protezione per legge regionale scavalcando i piani dei parchi, spazzerà via definitivamente, chiamandolo “riordino”, i livelli di protezione su 42 aree protette del Savonese per un totale di 21 mila ettari, facendole piombare in un limbo eterno e cancellerà definitivamente le norme sull’istituzione del Parco del finalese. Tutto questo avviene attraverso un testo di legge che abbasserà in modo clamoroso il livello di tutela delle aree agricolo – forestali, che sono un presidio fondamentale contro il dissesto idrogeologico». De Ferrari ha ricordato la petizione lanciata dal WWF contro il disegno di legge, che avrebbe raggiunto 3 mila firme, e ha illustrato gli emendamenti presentati dal gruppo (già respinti dalla maggioranza durante il dibattito in Commissione e ripresentati in Consiglio) per mantenere in vita la protezione sulle 42 aree savonesi, istituire il Parco del Finalese, accogliere la richiesta del comune di Urbe di aderire al parco del Beigua.

Luca Garibaldi (PD) ha presentato la relazione di minoranza esprimendo parere negativo: «Il disegno di legge vincola i parchi, limita la partecipazione e la crescita dei processi dal basso, ne limita le potenzialità di sviluppo e riduce le tutele ambientali». Secondo Garibaldi «il disegno di legge rappresenta un’occasione persa per una riflessione sulle aree protette e la loro valorizzazione. Le proposte operative e di aggiornamento gestionale delle aree protette – ha aggiunto – sono minimali mentre assumono rilevanza alcune modifiche sostanziali nell’impostazione dei parchi in Liguria, nelle modalità di gestione dei confini delle aree protette e nelle previsioni di crescita dei parchi in Liguria». Secondo il consigliere nel provvedimento i parchi sono interpretati come un “vincolo” e, di conseguenza, «ogni tipo di azione è tesa a contenere i parchi all’interno di confini certi e non modificabili, mortificando le capacità progettuali e di tutela attiva che invece sarebbero necessarie». Il consigliere, inoltre, ha accusato la giunta di «sabotare il percorso partecipativo in materia di confini e strumenti di tutela previsti dai piani dei Parchi, definendone d’imperio i confini per legge e modificandoli in riduzione». Secondo Garibaldi, inoltre, la scelta di definire con legge i confini per alcuni parchi regionali con un provvedimento legislativo rischia di aprire profili di illegittimità. Critiche sono state espresse anche all’opposizione dell’ingresso nel parco dei Beigua di parte del Comune di Urbe e sul superamento della nascita del parco del finalese: «Nel documento non c’è alcun strumento di promozione, nessun coordinamento regionale e – ha concluso – nessuna politica dal punto di vista della promozione turistica e dell’indotto che il parco potrebbe generare».

Nel dibattito del mattino sono intervenuti Giovanni Lunardon (Pd), Angelo Vaccarezza (FI) e Andrea Melis (Mov5Stelle). Lunardon ha definito«ingiustificato l’accanimento della maggioranza nei confronti dei parchi» ricordando, fra gli altri, la riduzione dei fondi al settore e la proposta di legge del consigliere Andrea Costa (Liguria Popolare) che chiede la soppressione del parco di Montemarcello Magra Vara. Il consigliere ha parlato di «una visione ideologica per cui quello che gravita intorno ai parchi è male». Nel merito del disegno di legge Lunardon ha rilevato che «il provvedimento è un’operazione calata dall’alto e si è persa un’occasione per ammodernare il sistema dei parchi, che sono un grande fattore di sviluppo economico per il territorio». Vaccarezza ha esordito mettendo in discussione i risultati della consultazione popolare a Urbe a favore dell’ingresso nel Parco: «Su duemila firme raccolte, a fronte di 700 residenti, pare che abbiano firmato duecento abitanti di Urbe cioè l’ingresso di un pezzo del territorio di Urbe all’interno del parco è voluto da quelli che, a Urbe, ci stando venti giorni». Il consigliere ha aggiunto: «L’autonomia dei territori, però, deve anche essere condivisa col territorio. E credo che sia più importante tutelare chi ha scelto di rimanere a vivere, a lavorare, ad aprire un’azienda, a continuare a svolgere la propria attività nel nostro entroterra rispetto a chi ha la villa e ci vuole andare venti giorni all’anno. Io – ha concluso – starò sempre con quelli che vivono Urbe e non quelli che ci passano magari in moto». Melis ha criticato il fatto che «i parchi con questo disegno di legge diventeranno un oggetto politico e non più amministrativo». Secondo il consigliere, inoltre, i parchi devono avere più risorse: «Il parco è uno strumento e l’uso che se fa determina la differenza» e ha sottolineato che il settore potrebbe essere di complemento al piano turistico regionale soprattutto nell’entroterra. Melis ha aggiunto: «I vincoli si possono superare dando strumenti che prevengano la conflittualità» e, riferendosi a casi come il mancato inserimento nel Parco dei Beigua di parte del Comune di Urbe, ha concluso: «Non vorrei che la scelta sia banalmente ricondotta alle esigenze di un territorio dove si esercita l’attività venatoria».

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: