La caccia prosegue in Liguria, Enpa: “danneggerà la stagione riproduttiva degli animali”

Savona / Genova. Si è chiusa ieri, giovedì 31 gennaio, la stagione di caccia 2018-2019; ma in Liguria, precisa una nota dell’Enpa, «per mano della giunta di centrodestra del presidente Toti e dell’assessore Mai, concordi tutti gli altri partiti ad eccezione del Movimento 5 Stelle, continua fino al 10 febbraio a colombacci, cornacchie grigie e nere, gazze e ghiandaie (specie tra le più intelligenti e sociali del mondo animale) e fino al 14 marzo ai cuccioli di daino e capriolo ed alle loro madri, sorelle, zie e nonne. La Protezione Animali savonese denuncia che l’attività venatoria danneggerà la stagione riproduttiva degli animali, già in corso da diversi giorni e che si intensificherà a febbraio e marzo; coppie di selvatici che stanno scaldando uova e tra poco i piccoli, abbandoneranno il nido impauriti dalle fucilate e, con questo freddo, ne verrà quasi certamente causata la morte».

promozione tennis sport
Clicca l'offerta

Promozione. 20% di sconto sui prodotti Asics. Valido solo per gli aritcoli inclusi nella categoria speciale. Non cumulabile con altri sconti. Utilizza online questo codice sconto: 20ASICS

«Una stagione segnata dai rinnovati e reiterati attacchi alla legge nazionale 157/1992 e, come tristemente accade ogni anno, dalle vittime umane e animali. In questi mesi – spiega Andrea Brutti, dell’Ufficio Fauna Selvatica di Enpa – alcuni esponenti di governo, nell’affannosa e parossistica ricerca del consenso elettorale, hanno portato avanti un chiaro disegno politico teso a smantellare la legge 157 del 1992 sulla protezione della fauna selvatica». «L’ultimo tentativo – prosegue l’Enpa Savona – fortunatamente andato a vuoto risale al decreto “Semplificazioni” dove Lega prima e Forza Italia poi hanno cercato di ribaltare la normativa. Dalla caccia in deroga a specie non cacciabili alla cattura degli uccelli da imprigionare e sfruttare come richiami vivi, dalla cancellazione dei pareri dell’ISPRA all’introduzione della figura del cacciatore/selecontrollore, estranea alla legge nazionale ma utilizzata dalle regioni per consentire alle doppiette di sparare tutto l’anno, nonostante 5 sentenze di incostituzionalità, queste norme – se approvate – avrebbero creato un vero scenario di Far West venatorio. Da aggiungere poi i tentativi di aprire alle uccisioni di specie particolarmente protette – lupi e orsi – come fanno chiaramente intendere dichiarazioni del ministro Centinaio e di altri esponenti leghisti, in merito ad avere mano libera su questi animali».

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

«Intanto, mentre la politica perde tempo con queste forzature, il più delle volte destinate a fallire anche per la forte opposizione dell’opinione pubblica, di caccia si continua a morire. Perché, per alcuni il vero problema non è quello di garantire l’incolumità e la sicurezza pubblica dalle doppiette – al 31 dicembre 2018, l’Associazione Vittime della Caccia ha censito 16 morti e 49 feriti – salvando vite umane e animali, ma di concedere una vera deregulation» conclude l’Enpa.

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: