Albenga, consigliere Di Lieto (M5S): “un tavolo di confronto sul futuro dell’ex Caserma Piave”

Francesco Di Lieto - M5S

Albenga. “Al di là delle congetture, più o meno plausibili o fantasiose, resta il fatto che da anni, agli albenganesi non è dato sapere quale sarà il futuro di uno dei più importanti simboli della Città”. Il consigliere comunale e portavoce MoVimento 5 Stelle Albenga Francesco Di Lieto propone di istituire un tavolo di lavoro “al fine di costruire una proposta condivisa e concreta” per il recupero e riqualificazione dell’ex Caserma Piave.

“Attorno a questo importante e strategico immobile – ricorda il consigliere Di Lieto – si è ipotizzata ogni genere di destinazione d’uso, dalla realizzazione di un complesso ricettivo-residenziale, alla creazione di un Centro di Identificazione ed Espulsione dei migranti, a Polo Scolastico o Tecnologico-sperimentale, accademico militare, ed altro ancora”, ma “la confusione e frammentazione delle informazioni ha, come unico risultato, quello di rendere il dibattito su questo tema sempre più teso e difficoltoso. Riteniamo invece, in virtù della sua importanza, che il progetto di riqualificazione e rilancio della Caserma Piave non debba essere assolutamente trattato con frettolosa superficialità”.

Il consigliere Francesco Di Lieto e il M5S chiedono invece “che possa essere intrapreso, da parte di Cassa Depositi e Prestiti, un dialogo costruttivo con la Prefettura, il Comune, la cittadinanza ed i rappresentanti delle attività produttive, al fine di costruire una proposta condivisa e concreta per Albenga, che possa coniugare l’esigenza di recuperare una proprietà di grande prestigio, sia architettonico che strategico, con quella di uno sviluppo condiviso e concertato con la popolazione, così da evitare, per una volta, polemiche ed dissenso. Certi della sensibilità riguardo tale richiesta, siamo a disposizione per avviare il primo tavolo di confronto tra le parti, per muovere concretamente il primo passo verso una scelta voluta e partecipata da tutta la cittadinanza”.