Arnasco ha ricordato Chiara “Luce” Badano

di Claudio AlmanziArnasco. Si è svolta ieri ad Arnasco, dove il suo ricordo rimane sempre vivo fra i fedeli, la commemorazione della luminosa figura della Beata sassellese Chiara “Luce” Badano. La Festa liturgica si è svolta in due diversi momenti, animati dal Coro parrocchiale e dal Coro del Movimento del Focolarini.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Domenica nella Chiesa di San Pantaleo è stata celebrata una prima Messa in ricordo della Beata, officiata da Monsignor Ivo Raimondo, cui sono seguiti vari interventi e la Processione fino alla Edicola votiva detta “La Fontana”, dedicata dagli arnaschesi alla Beata. Il giorno seguente la Messa è stata celebrata da Monsignor Giorgio Brancaleoni, nell’ Oratorio di San Pantaleo, sempre nella frazione arnaschese di Menosio. Chiara “Luce” Badano era nata a Sassello, nel paese dell’entroterra savonese, dove è cresciuta ed ha conosciuto il movimento dei Focolari. Ad Albisola ed a Genova ha svolto attività nel movimento, occupandosi di bambini e di anziani.

Clicca le offerte

Speciale tesori Nascosti. Non pensavi di trovarlo su Amazon? Offerte imperdibili: scoprite marchi e prodotti di qualità a prezzi ottimi (valido fino al 12 novembre 2019)

A Savona ha iniziato gli studi superiori, ma presto è stata colpita da un tremendo osteosarcoma osseo, che l’ha portata alla morte, a soli 19 anni, il 7 ottobre 1990. Un lungo processo di canonizzazione ha portato poi Chiara a Roma ad essere dichiarata Beata, il 25 settembre 2010, da Papa Benedetto XVI. Questa ragazza ha testimoniato fino a quanto la sofferenza accolta per amore della croce, possa trasformare una terribile malattia dalla tragedia più oscura alle vette dell’unione con Dio. “La cittadina di Arnasco – ha detto durante il discorso ufficiale il sindaco Alfredino Gallizia- è legata da grande affetto verso la Beata Chiara che vi trascorreva i mesi estivi ospite dell’amica carissima Marita e la sua famiglia”. Ad introdurre le celebrazioni e guidare le due giornate in ricordo di Chiara è stato il Parroco di Arnasco don Italo Arrigoni.

“A chi legge la biografia di Chiara – ha scritto Monsignor Livio Maritano, Promotore della Causa di canonizzazione della beata- appare evidente la continuità dei valori che ha vissuto dalla fanciullezza all’adolescenza, alla maturità giovanile. Ed è palese la salda unità che riesce a stabilire tra le convinzioni di fede e i desideri, i sentimenti, le decisioni e gli atti. Vi riesce facendo in modo che, come insegna San Paolo (Gal.5,6), la sua fede si rende operosa per mezzo dell’amore. Tutto è radicato su una certezza irremovibile: quella di essere immensamente amata da Dio”.

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: