Convenzione Vigili del Fuoco, Rete a Sinistra: “termini ancora da chiarire”

Nella foto: il consigliere regionale Gianni Pastorino (gruppo Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria)

Genova / Regione Liguria. Oggi la commissione regionale sanità ha discusso l’esigenza di rinnovare la convezione con i Vigili del Fuoco per l’elisoccorso sanitario: a sorpresa, i dirigenti del Corpo hanno dichiarato di avere preparato una bozza di convenzione, di cui, però, la Regione ancora non conosce i termini. Si teme la possibilità che il servizio venga scorporato: elisoccorso ai Vigili del Fuoco, eliambulanza ai privati. Il gruppo consiliare Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria chiede continuità, su una linea che negli anni ha pagato e si è dimostrata la più economica per le casse pubbliche.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

«Per noi il servizio deve restare integrato. Il prossimo anno la convenzione Regione Liguria – Vigili del Fuoco compirà 30 anni: questo deve essere un punto di riferimento e un esempio anche per le altre regioni, affinché tornino a puntare sul pubblico. Non solo è necessario mantenere la convenzione, ma bisognerebbe anche potenziarla, estendendo il servizio sulle 24 ore – dichiarano il capogruppo Gianni Pastorino e il consigliere regionale Francesco Battistini -. Tutto nasce dalla lettera del 7 agosto scorso in cui, come una doccia fredda, il capo dipartimento nazionale si esprimeva contro l’attuale modello ligure. La missiva giunta dal Ministero dell’Interno, riferiva che a causa di nuove esigenze subentrate, dal 31/12/2018 la convenzione non sarebbe stata più rinnovata. Ma così rischia di scomparire per sempre l’unico servizio di elisoccorso totalmente pubblico in Italia. Un servizio di eccellenza; e che comporta minori spese».

Clicca le offerte

Speciale tesori Nascosti. Non pensavi di trovarlo su Amazon? Offerte imperdibili: scoprite marchi e prodotti di qualità a prezzi ottimi (valido fino al 12 novembre 2019)

«Conti alla mano, il risparmio è evidente: la convenzione costa al sistema sanitario ligure 1,6 milioni di euro l’anno; a fronte di un costo nettamente superiore, fino a 8 volte, che affrontano i territori in cui vige l’appalto esterno con soggetti privati – spiegano Pastorino e Battistini -. Un esempio: Pegaso 3 in Toscana, che opera solo nel quadrante nord-ovest della regione, costa quasi 7 milioni annui». «Ciò dimostra che la soluzione ligure produce un risparmio indiscutibile, oltre ad assicurare una preparazione professionale integrata che non ha eguali – concludono Pastorino e Battistini -. I vigili del Fuoco garantiscono il contingente e l’equipaggiamento più idoneo, a fronte di qualsiasi scenario d’intervento. Non solo con la presenza del personale sanitario a bordo del velivolo, ma anche con l’ausilio di sommozzatori, per il soccorso in male, e di personale SAF, speleo-alpino-fluviale».

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: