Affidato lo studio di fattibilità per il progetto del depuratore di Alassio

Alassio. Mentre entra in funzione l’impianto di pretrattamento in località Sant’Anna procede l’iter per la realizzazione del depuratore di Alassio. Il Sindaco e Sca: “un’opera prioritaria sul piano della strategia ambientale per la città di Alassio”. In attesa di definire il gestore unico per il Ciclo Integrato delle Acque che vede l’alassina Sca, soggetto attivo rispetto alla costituzione del nuovo consorzio, il Sindaco di Alassio, Marco Melgrati, ha chiesto proprio alla Sca di accelerare i tempi per la definizione dello studio di fattibilità per la costruzione del nuovo depuratore nel Comune di Alassio.

La società ha dunque deliberato di affidare l’incarico per la stesura di tutti i documenti necessari all’Ing, Dennis Cerlini, coadiuvato dal direttore tecnico, Adriano Baldini. La Sca nel frattempo ha già inserito nel piano economico e finanziario da svilupparsi nei prossimi tre anni un importo per circa 15 milioni di Euro per la realizzazione dell’intera opera.

“Personalmente considero la realizzazione dell’impianto completo di depurazione il punto di partenza della programmazione di questa amministrazione – dichiara Marco Melgrati, sindaco di Alassio – non a caso ho chiesto alla Sca di inserire quest’opera nelle priorità progettuali. Devo sottolineare che il management della Sca, nella persona della presidente Emanuela Preve, ha subito recepito l’importanza ambientale e strategica del depuratore e l’ha subito inserito nel piano operativo”.