Una nuova vita per gli ospiti a quattro zampe del canile

Alassio. Una bella storia a lieto fine quella dei cinque trovatelli, da tempo relegati nel canile Plutos di Sanremo: per Paola Cassarino, consigliera comunale alassina incaricata alla protezione animali, “una sfida colta al volo e affrontata con rara determinazione: quella di studiare la pratica, verificare lo stato dell’arte, rispondere alle esigenze dei piccoli pelosi, le eventuali cure, le possibilità di adozione”.

RobertoMichels

“Stamattina si è chiuso un importante iter – spiega – abbiamo trasferito i cuccioloni nella struttura di Enesi, più vicina e semplice da raggiungere per qualsiasi necessità. Ma soprattutto l’Assessore Mordente ha preso in adozione Tommy, mentre due famiglie stanno valutando l’adozione per Spino e Lady. Per gli altri stiamo ricorrendo all’aiuto dell’addestratore cinofilo Giancarlo Nocera che ci sta aiutando ad educarli in modo che possano essere accolti in una famiglia”.

“Un approccio forse poco istituzionale – racconta Marco Melgrati, Sindaco di Alassio – ma molto concreto e accorato quello di Paola Cassarino che ha sollecitato uffici, unità cinofile, associazioni e poco alla volta ha trovato il modo di risolvere una situazione che si stava trascinando tra la sofferenza per i cani e il danno economico per il Comune”.

La pagina Facebook “Alassio salva i Cuccioli” rimane aperta con gli aggiornamenti e può essere utilizzata per raccogliere segnalazioni e informazioni per i piccoli amici a quattro zampe. “Una piccola vittoria – commenta ancora Cassarino – per la quale devo ringraziare l’Unità cinofila della Protezione Civile di Albenga, il Progetto Amici Animali della Croce Bianca di Alassio e i fiduciariato dell’ENPA: per questi cuccioloni oggi è iniziata una nuova vita”.

Ultima revisione articolo: