Andora, norme Minniti su sicurezza nei luoghi pubblici

Andora. Niente vetro, ceramica, porcellana o lattine per i contenitori delle bibite e degli alimenti consumati nel corso degli eventi organizzati sulle aree pubbliche del comune di Andora. Il sindaco Mauro Demichelis ha firmato ieri mattina l’ordinanza,  in ottemperanza alle disposizioni in materia di sicurezza volute dal Ministro dell’Interno Marco Minniti, i cui effetti si protrarranno fino al 30 settembre 2018.

I bar, ristoranti, chioschi e attività similari potranno tranquillamente servire gli alimenti nei contenitori tradizionali e originali all’interno dei locali e nei dehors, salvo che il cliente li voglia portare fuori dall’esercizio. In quel caso, infatti, l’alimento dovrà essere versato un contenitore a perdere, di plastica o carta.

Gli esercizi commerciali del settore alimentare e coloro che hanno distributori automatici di bevande, potranno continuare a somministrare le bibite nel vetro, similari o in lattina, ma dovranno informare il cliente del divieto di consumo per la strada nel corso degli eventi, attraverso l’esposizione di un cartello messo a disposizione dal Comune con la sintesi dei contenuti dell’ordinanza che gli esercizi commerciali, avranno l’obbligo di esporre in modo da rendere noto ai clienti le regole sul consumo.

Nel corso degli eventi organizzati nelle aree pubbliche e aperti al pubblico, l’ordinanza prevede l’assoluto divieto di consumare bevande e alimenti in contenitori di vetro, ceramica, porcellana o in lattina.

“Si tratta di un ordinanza già emessa lo scorso anno che applica la normativa nazionale, dando il minor disagio possibile agli operatori turistici, ricettivi e commerciali e modificando poco le  abitudini di turisti e residenti – ha spiegato il sindaco Mauro Demichelis – Le associazioni si sono organizzate velocemente e già da tempo servono le bevande in contenitori di plastica o carta nel corso delle manifestazioni”.