Nuove aule provvisorie per il Liceo di Albenga

Sembra finalmente essere stata trovata una soluzione positiva alla problematica del Liceo di Albenga che anche quest’anno, stanti le numerose richieste di iscrizioni, è alle prese con la ricerca di nuove aule.
Dopo che era sfumata la possibilità di utilizzare le classi del Seminario si è riusciti ad individuare una porzione indipendente dell’ex Tribunale edificio dove già sono ospitate dal 2016 altre aule del liceo artistico ed ove attualmente ha sede la Polizia Municipale.

Afferma la Dirigente Prof.ssa Simonetta Barile “La soluzione proposta è per noi ottimale. Sebbene le scuole superiori siano di competenza provinciale lo sforzo che sta facendo il Comune di Albenga per garantire il diritto allo studio ai ragazzi del comprensorio è veramente notevole e voglio pertanto ringraziare il Sindaco ed il Consigliere con delega all’Istruzione Maurizio Arnaldi per aver ancora una volta dimostrato di aver a cuore il futuro dei ragazzi. Un ringraziamento anche al Consigliere provinciale con delega all’istruzione Eraldo Ciangherotti per essersi occupato insieme all’amministrazione comunale con impegno del problema”.

Dichiara il Sindaco “Albenga, grazie anche ai Dirigenti, agli insegnanti e a tutto il personale ATA, risulta molto attrattiva per gli studenti e questo è motivo di grande soddisfazione. Quando verrà realizzato il Polo Scolastico, per il quale siamo riusciti ad ottenere un finanziamento dal Ministero di 10 milioni di euro (unico intervento autorizzato fra Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta), ed il cui iter continua ad essere costantemente monitorato dall’On. Franco Vazio i problemi di spazio finiranno e i ragazzi potranno studiare in classi nuove con moderni laboratori e palestre efficienti. Fino ad allora, nonostante siano istituti non di competenza comunale, ho ritenuto giusto compiere ogni sforzo per garantire spazi agli studenti. La soluzione temporanea proposta è positiva in quanto, con modesti lavori interni, che ovviamente dovranno essere eseguiti dalla Provincia, si può risolvere il problema delle aule e riuscire a mantenere la porzione riservata al ritorno del Giudice di Pace in relazione al quale stiamo attendendo la decisione del Ministero”, conclude il primo cittadino.

All’inizio della prossima settimana è stato fissato un sopralluogo con i tecnici provinciali che dovranno analizzare nel dettaglio gli interventi da eseguire.