Savona, aumentate le sanzioni per il conferimento abusivo di rifiuti

“Giro di vite contro i furbetti della spazzatura”. Così dichiara Pietro Santi, Assessore all’Ambiente del Comune di Savona, per commentare il provvedimento da lui proposto alla Giunta Comunale, approvato all’unanimità nel corso della più recente seduta, relativo alla determinazione dell’importo del pagamento in misura ridotta della sanzione amministrativa pecuniaria per violazioni inerenti l’Ordinanza Sindacale n. 7 del 14 febbraio 2017 sul conferimento dei rifiuti.

“A seguito dell’Ordinanza firmata dal Sindaco Ilaria Caprioglio, che proibisce il divieto di conferimento e deposito di rifiuti prodotti al di fuori del territorio comunale, da parte di persone non residenti a Savona, sono avvenuti numerosi controlli da parte della Polizia Municipale, che hanno portato a elevare molte sanzioni nei confronti di chi trasgrediva”, spiega l’Assessore. “La nostra, pur con risorse limitate e i noti problemi di bilancio, è una lotta senza quartiere. L’opera degli agenti è instancabile e i nostri uffici continuano a ricevere segnalazioni da parte di ATA Spa sul reiterato conferimento di rifiuti non prodotti sul territorio comunale”.

“Per combattere maggiormente il fenomeno, si è ritenuto opportuno rendere ancora più incisive le misure di contrasto al deposito di rifiuti abusivo nel territorio di Savona, pertanto abbiamo aumentato l’importo del pagamento in misura ridotta della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dalla ordinanza, oggi fissata a € 150.00. Massima attenzione verso un fenomeno da combattere ed estirpare: per raggiungere tale obiettivo, siamo pronti a aumentare ulteriormente le sanzioni”, conclude l’Assessore all’Ambiente del Comune di Savona Pietro Santi.