Sinistra Italiana: a Savona iniziative politiche in corso

Sabato 11 marzo Sinistra Italiana a Savona presso il circolo Artisi dalle 15.30 organizzerà un incontro con i suoi iscritti e simpatizzanti per un momento di condivisione e confronto sui temi più urgenti della città e del territorio e delle novità politiche; nelle prossime settimane seguirà anche una iniziativa “rivolta a tutte le forze di sinistra per iniziare concretamente un percorso dal basso di dialogo ed unità della sinistra, senza preclusione alcuna”.

Sinistra Italiana si è costituita nel congresso di Rimini del 17/19 febbraio ed ha iniziato la propria attività sul territorio della Provincia di Savona, “ripartendo dall’eredità politica lasciata dalla migliore tradizione di Sinistra Ecologia e Libertà partito che la preceduta”.

Al centro dell’azione di Sinistra Italiana Savona, dicono i militanti del partito, “è il mondo del lavoro e dei lavorati che continuano ad incontrare continue difficoltà e troppo frequentemente sono espulsi dai processi produttivi senza reali alternative e con ammortizzatori sociali sempre più deboli. Le disuguaglianze sociali economiche mai così ampie dal dopoguerra ad oggi ci portano ad affermare che l’azione del governo ad oggi non è stata positiva e l’opposizione in parlamento a tali posizioni era ed è assolutamente naturale. La crisi ideale e politica in cui versa il Partito Democratico è il risultato di una linea politica che ha pienamente abbracciato posizioni neo-liberiste che oltre a non fare il bene del nostro paese hanno trasformato lo stesso PD in qualcosa di completamente diverso ed alieno dalla tradizione socialista o socialdemocratica a cui tenta ancora in qualche modo a richiamarsi”.

“La scissione maturata all’interno del PD è dai noi accolta positivamente ma è ancora poco definita e non ci porta, come alcuni hanno fatto, ad adesioni incondizionate”, prosegue la nota di Sinistra Italiana: “Non dimentichiamo che il PD è l’asse portante delle politiche di governo che hanno creato il Jobs Act, le politiche sulla scuola ed hanno promosso la precarietà in tutti gli aspetti della nostra società colpendo in particolare i giovani del nostro paese e del nostro territorio da cui sempre più numerosi partono in ricerca di migliori opportunità di vita, di studio e di lavoro. Siamo quindi attenti al movimento che dichiara di uscire dal PD ma rimaniamo convinti che una posizione comune ed unitaria della sinistra si costruisce su contenuti reali e posizioni coerenti”.

“A Savona ed in Liguria le posizioni del Partito Democratico hanno adottato politiche di sviluppo del territorio non adeguate alla nostra realtà e spesso il confronto con poteri economici preponderanti ha in diversi casi non portato sviluppo ma purtroppo solo cementificazioni senza altri valori aggiunti. Su questi temi la vocazione maggioritaria del PD ha avuto l’unico risultato di frantumare la sinistra non interpretando il territorio savonese e i suoi cittadini, da cui le inevitabili sconfitte elettorali.
Oggi è difficile continuare a definirsi di sinistra, sia perché è difficile farlo nel pieno di una crisi economica così pesante, sia per la grande frammentazione spesso personalistica nel campo della sinistra stessa. Non ci resta che costruire l’unità di tutte le diverse anime della sinistra rinunciando ai settarismi, con una azione coordinata che metta al centro i contenuti e le azioni a favore del territorio e della popolazione ridando nuova speranza ad ogni cittadino. Sinistra Italiana è una risorsa coerente in questo processo indispensabile per dare e mantenere un punto di vista di sinistra sia nel Savonese che in Italia, Sinistra Italiana continua ad essere parte essenziale del movimento tutto ligure denominato Rete A Sinistra e lo utilizzerà come strumento di dialogo e confronto”.