Savona, quale futuro per i servizi sociali? Solo tagli indistinti al bilancio?

Quale futuro per i servizi sociali, culturali e sportivi a Savona? Un programma amministrativo di solo tagli indistinti al bilancio?

LETTERE&INTERVENTI – Davide Pesce / Forum Savonese del Terzo Settore – Savona. Vi propongo un classico gioco da settimana enigmistica: unite i verbi della “lista 1” con le parole della “lista 2”.

Lista 1: tagliare, amputare, dividere, incidere, mozzare, recidere, separare, trinciare, troncare, ridurre, impedire, interrompere, ridimensionare.

Lista 2: mensa della Caritas, asili nido, campi solari, trasporto e borse lavoro per le persone con disabilità, pini marittimi in corso Tardy e Benech, la stagione teatrale estiva sul Priamar, gli orari di apertura e il riscaldamento degli impianti sportivi, i servizi per gli anziani, i centri giovani per gli adolescenti, il museo archeologico.
Quest’estate, a spiaggia (a Savona si dice “a spiaggia”, non “in spiaggia”…) ci sono le finali.

Non avete molto tempo per esercitarvi, i campioni da battere sono il sindaco e gli assessori della giunta di Savona, loro in questi ultimi sei mesi si sono diventati quasi invincibili e i risultati sono evidenti a tutti.
Saranno rivali agguerriti, ma i savonesi possono farcela a vincere o almeno a pareggiare…

Qui al campetto di allenamento il Forum Savonese del Terzo Settore è compatto e pronto per suggerire le tecniche più efficaci.
Non occorre sudare per aumentare la forza dei bicipiti, correre per gestire meglio gli sforzi il giorno della gara, nuotare per sciogliere i muscoli… Per ora c’è bisogno solamente di creatività per capire qual è la visione complessiva dell’amministrazione comunale, qual è la volontà politica di un comune che taglia tutti i servizi sociali; non possiamo credere che ci siano solo tagli indistinti al bilancio.

L’amministrazione è in carica da oltre sei mesi, hanno avuto il giusto tempo per lavorare e per programmare, ci siamo incontrati con l’assessore ai Servizi Sociali varie volte ma attendiamo risposte chiare e sincere sulle linee guida che intende perseguire l’amministrazione comunale, vogliamo sapere precisamente quali sono (se ci sono) le priorità su: povertà, asili nido, anziani, trasporto e borse lavoro per i disabili, minori, progetti educativi, cultura, sport.
Vogliamo confrontarci con l’allenatore-sindaco per decidere insieme le regole del gioco.

Pensiamo che “la colpa è di quelli che hanno governato prima” non sia una risposta soddisfacente, il comune ha degli obblighi di legge sui servizi sociali e degli obblighi morali nei riguardi dei propri cittadini.
Il Forum Savonese del Terzo Settore è disposto a partecipare e a promuovere assemblee pubbliche con i savonesi per confrontarsi sulle idee e sulle proposte da condividere e suggerire all’amministrazione comunale, vogliamo difendere fino alla fine i servizi per i cittadini più deboli, chiediamo un consiglio comunale tematico.

Non possiamo aspettare oltre, fra poco arriva il caldo e sotto l’ombrellone, in una calda giornata d’estate, inizierà la sfida.
La location scelta per le finali è l’asilo Giribone di Corso Vittorio Veneto , quello dei campi solari estivi, tanto quest’anno non ci saranno i bambini che luglio e agosto lo frequentavano (il servizio era nato negli anni ’80).

* Davide Pesce / Forum Savonese del Terzo Settore