Albenga, approvato progetto di messa in sicurezza Rio Fasceo e Rio Carendetta

La conferenza dei servizi deliberante tenutasi in Regione con la partecipazione del Sindaco di Albenga Giorgio Cangiano, ha approvato in via definitiva il progetto di messa in sicurezza idraulica del Rio Fasceo e Rio Carendetta in frazione Campochiesa che durante l’alluvione del 2014 erano stati una delle principali cause degli allagamenti e degli ingentissimi danni subiti dalle imprese agricole.

Dichiara il Sindaco: “Stanti le difficoltà finanziare che colpiscono gli enti locali non era possibile affidare la progettazione a ditte esterne perché ciò avrebbe comportato ingenti costi. Siamo riusciti a realizzare un progetto molto complesso con le professionalità interne al comune (arch. Sandra Granata, ing. Elisa Canepa, geom. Graziano Floccia e in una prima fase l’ing. Danilo Burastero) che ritengo giusto ringraziare per l’impegno e la professionalità dimostrata”.

“Adesso che il progetto è definitivo ed ha avuto il parere favorevole da parte del Comitato tecnico di bacino regionale e l’autorizzazione paesaggistica nonché il nulla osta di tutti gli organi regionali, dobbiamo ottenere i finanziamenti necessari per realizzare l’opera. Ci è sempre stato assicurato che quando il progetto sarebbe divenuto definitivo ci sarebbero stati erogati i finanziamenti anche perché pochi comuni hanno progetti in uno stadio avanzato come il nostro.”
Conclude il Sindaco: “Invito tutte le forze politiche ad unirsi per ottenere insieme il finanziamento. Sarebbe un bel segnale e soprattutto un modo di dare risposte concrete ai cittadini mettendo in sicurezza l’intera zona ed evitando così di dover intervenire in emergenza con costi spesso superiori rispetto a quelli necessari per interventi strutturali definitivi.”

Afferma l’Assessore all’Ambiente ed Agricoltura Mariangelo Vio: “Sono molto soddisfatto per il risultato ottenuto. Bisogna riconoscere che l’impegno diretto del Sindaco è stato fondamentale ed insieme agli uffici siamo riusciti a superare tutti i necessari controlli ed i passaggi burocratici e finalmente abbiamo ottenuto il via libera definitivo. Eseguire l’intervento vorrebbe dire mettere totalmente in sicurezza la zona e consentire agli imprenditori agricoli di non vivere ogni pioggia come un incubo e in condizioni di stabilità programmare le produzioni agricole”.