Artigianato dell’entroterra, contributi in conto capitale per 3.668 imprese liguri

Anche le 3.668 imprese che operano nei 125 Comuni individuati del nostro entroterra potranno usufruire di un contributo in conto capitale pari al 30% dell’importo del finanziamento agevolato con un massimo di 10 mila euro per il tramite di Artigiancassa. Il contributo, non reiterabile per successivi finanziamenti alla stessa impresa, partirà il prossimo 7 novembre e ha un primo stanziamento di un milione di euro.

offerteibslibri

«Una promessa mantenuta dall’assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi e un’attenzione particolare per le nostre imprese artigiane dell’entroterra, che operano in territori disagiati e dove chi mantiene oggi un’attività imprenditoriale svolge anche un compito sociale e demografico», commenta Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria, sul bando approvato dalla giunta regionale a sostegno delle imprese artigiane dell’entroterra, che si aggiunge agli interventi per tutte le imprese artigiane con contributi in conto interessi, integrati dalla garanzia del Confidi.

Saranno finanziabili con il contributo in conto capitale l’acquisto di macchine e attrezzature, incluse le spese per gli impianti e le attrezzature connesse al sistema informatico e di comunicazione, per le innovazioni tecnologiche e l’aumento del grado di competitività, nonché l’acquisto di software, diritti di brevetto, licenze e know-how, servizi alle imprese e sistemi di qualità aziendali. Per tutte le altre casistiche si potrà accedere al contributo della Regione Liguria in conto interesse e garantito sempre gestito da Artigiancassa, con tassi sotto l’1%.

Dei 125 Comuni liguri non costieri interessati dal bando, 42 sono in provincia di Imperia, 36 a Savona, 34 a Genova e 13 alla Spezia. In questi Comuni operano 3.668 imprese artigiane: 446 in quelli della Spezia, 716 a Imperia, 940 a Savona e ben 1.566 a Genova (in particolare, da sottolineare una fitta presenza di imprese artigiane nei Comuni di Campoligure, Masone, Ne e San Colombano Certenoli, in ciascuno dei quali operano oltre 100 imprese).

Ultima revisione articolo: