A Maurizio Maggiani il Premio Anthia 2016

L’Associazione Amici di Peagna, giunta al suo trentacinquesimo compleanno, quest’anno assegnerà il “Premio Anthia per il migliore Libro Ligure dell’Anno” a Maurizio Maggiani, “una delle anime più profonde e critiche del panorama culturale ligure ed affermato narratore a livello nazionale, punta di diamante tra gli scrittori di Feltrinelli”. L’autore spezzino, nonostante molti libri di vasto successo come, ad esempio, “La Regina disadorna” o “Il coraggio del pettirosso”, non era mai stato presente a Peagna e, pertanto, il premio al suo ultimo lavoro “Il Romanzo della Nazione”, rappresenta anche un tributo ad una lunga e fortunata carriera.

“La sua sicura presenza alla manifestazione – dicono i soci del sodalizio – ci onora e ci gratifica e non solo rappresenta il migliore regalo per il nostro trentacinquesimo compleanno, ma costituisce anche una preziosa opportunità per Ceriale e il Ponente per incontrare e conoscere uno scrittore tra i più significativi, e premiati (Viareggio, Campiello, Stresa, Hemingway, Strega ecc.), del panorama letterario nazionale”.

Afferma Stefano Roascio a riguardo del libro premiato: “C’è qualcosa di profondo, di antico in questo romanzo. Una forza ancestrale che si origina dalla messa in luce dei sentimenti più intimi e personali tra genitori e figli, tra generazioni che si succedono e vivono nel proprio tempo con la coscienza e la consapevolezza di ciò che li ha preceduti. Il Romanzo della Nazione è anche una lente impietosa ed implacabile che, attraverso il dipanarsi così preciso, così profondo, così intimo del rapporto tra l’autore e la propria famiglia, costringe ogni lettore a squarciare il velo che spesso, in modo rassicurante, cela e protegge un mondo di sentimenti tanto personali e nascosti. Dal ritmo lento della narrazione emergono, in filigrana, ansie e aspirazioni – talvolta frustrate e deluse – di varie generazioni a confronto, che hanno attraversato i momenti principali della formazione della nostra Nazione, spesso senza riuscire ad incidervi come sperato. Su uno sfondo lontano la Liguria, che fa capolino con gli episodi della guerra a La Spezia, la via Aurelia che unifica tutta la nostra terra, il Golfo spezzino con le navi in rada, il suo arsenale, la cui costruzione diventa metafora della nascita di un popolo unito e di una nuova nazione. C’è poi una Liguria che talvolta si esprime, attraverso un dialetto che noi ponentini fatichiamo a classificare come ligure, anche con le note di un lucido, amaro e a tratti sarcastico disincanto, che così spesso accomuna noi Liguri. Il Romanzo della Nazione è un libro forte e delicato allo stesso tempo, che lascia addosso quell’inquietudine propria dei capolavori”.

La premiazione avverrà domenica 28 agosto alle ore 17,30 presso il Teatro C. Vacca di Peagna. Il premio Anthia quest’anno consisterà in una pregevole opera di Fabio Taramasco, maestro ceramista del Circolo degli Artisti di Albisola. Maurizio Maggiani sarà poi intervistato da Stefano Roascio, Mauro Bico e Simona Morando (Università di Genova).

Alle ore 21 il tributo a Maggiani continuerà con un suggestivo spettacolo itinerante, alla scoperta del prezioso borgo antico di Peagna, con la Compagnia dell’Albero di San Lorenzo al Mare, che interpreterà alcuni significativi brani tratti dalle opere del narratore spezzino.