A Borghetto arrivano… le “Cattive Ragazze”

Mercoledì 10 agosto, con inaugurazione alle ore 16.30, si conclude la rassegna Borghetto d’Arte 2016 con il consueto appuntamento con il mondo dei libri per ragazzi, promosso in collaborazione con il Sistema Bibliotecario della Valle Varatella. La mostra “Cattive Ragazze”, allestita a Palazzo Elena Pietracaprina in collaborazione con Sinnos Editore di Roma, rimarrà aperta fino al 18 settembre.

La mostra espone le tavole originali, di Assia Petricelli e Sergio Riccardi, realizzate in bianco e nero a china, per l’omonimo libro “Cattive ragazze”. In tre casi le tavole sono accompagnate dalla pagina di sceneggiatura e dallo storyboard a matita, le due fasi di lavorazione che ne precedono l’esecuzione. In questo modo i visitatori hanno la possibilità di lanciare uno sguardo sull’officina che è dietro la realizzazione di un graphic novel. L’ultimo passo è il completamento della tavola in digitale, con l’aggiunta di retini, balloons e lettering. Completano la mostra i ritratti di cinque “cattive ragazze”, alcune delle quali non inserite nel libro.

Le protagoniste:
Olympe De Gouges – Nellie Bly – Elvira Coda Notari – Nawal El Saadawi – Antonia Masanello – Marie Curie – Aleksandra Kollontaj – Alfonsina Morini Strada – Angela Davis – Claude Cahun – Domitila Barrios De Chungara – Franca Viola – Miriam Makeba – Hedy Lamarr – Onorina Brambilla

Cattive Ragazze «15 storie di donne audaci e creative, libro da cui sono tratte le tavole in esposizione, racconta con il linguaggio del fumetto le biografie di alcune di queste donne, rivolgendosi in primis, ma non solo, alle più giovani e ai più giovani. “Cattive ragazze” perché non hanno accettato i recinti in cui il proprio tempo le confinava e per questo sono state additate, derise, perseguitate. Ma hanno vinto! e, inseguendo se stesse e i propri desideri, hanno sovvertito stereotipi e abbattuto tabù secolari, aprendo nuovi percorsi per quelle che sono venute dopo. Come Nelly Bly, prima giornalista investigativa della storia, che si finse pazza per denunciare le terribili condizioni di vita dei pazienti psichiatrici, Antonia Masanello, unica donna dell’esercito di Garibaldi, Hady Lamarr, attrice e ingegnera, inventrice del codice di comunicazione del wireless o ancora Franca Viola, che denunciando l’uomo che l’aveva stuprata nella Sicilia degli anni ’60, mise fine alla barbara usanza del matrimonio riparatore».

«I manuali di scuola raccontano una storia e una cultura fatte quasi esclusivamente di figure maschili. Per millenni, e in parte ancora in tempi recenti, alle donne è stata preclusa la sfera pubblica. Si è cercato di relegarle alla dimensione privata, all’ambito casalingo del lavoro di cura, nei ruoli di figlie, mogli, madri, o comunque in una funzione ancillare nei confronti degli uomini, cameriere, segretarie, infermiere, vallette. Eppure le donne hanno sempre svolto ruoli di primaria importanza e quindi bisogna diffidare delle storie che non le raccontano, perché non dicono la verità. A saper ben cercare la storia e la letteratura, l’arte e le scienze custodiscono narrazioni di vite di donne che hanno creato, ricercato, guidato, che si sono battute per i loro diritti e per i diritti dei più deboli, capaci di sfidare la cultura patriarcale dominante e di affermare il proprio valore, spesso pagando un prezzo altissimo».

Il Comune di Borghetto propone con questa mostra un percorso nel mondo dell’illustrazione e del fumetto e, grazie alla preziosa collaborazione della Casa editrice romana, affronta una tematica quanto mai attuale, da una prospettiva diversa, per non dimenticare, nemmeno nella stagione estiva e delle vacanze, la necessità di tenere vivo il dibattito sulle Donne e sulle piccole e grandi difficoltà che una metà del cielo deve costantemente affrontare.

La mostra resterà aperta fino al 18 settembre, con i seguenti orari: dal 10 al 31 agosto, dal lunedì al giovedì dalle 17.00 alle 19.00 e dal venerdì alla domenica dalle 20.30 alle 22.30; dal 1 al 18 settembre, dalle 16.00 alle 18.30. La mostra è a disposizione per visite guidate gratuite per le Scuole da settembre, previa prenotazione presso la Biblioteca Civica.

Ultima revisione articolo: