‘La tremenda vendetta’ ritorna al Priamàr di Savona

Presentazione Stagione Lirica 2016di Laura Sergi – Tra tante incertezze, abbiamo fede e crediamo in quel che facciamo: si potrebbe riassumere così il messaggio di Giovanni Di Stefano, neo presidente e direttore artistico dell’Opera Giocosa, ieri in conferenza stampa al foyer del teatro Chiabrera per la presentazione della Stagione lirica estiva del nostro Teatro di tradizione, al tavolo con il sovrintendente del Carlo Felice di Genova, Maurizio Roi, e l’assessore alla cultura della Regione Liguria, Ilaria Cavo.

RobertoMichels

Il clima pesante vissuto in questi giorni nella nostra città (per i tagli alla cultura del bilancio di previsione, a pochi giorni dalle elezioni), è un discorso che rimane fuori dal contesto, in una presentazione ambiziosa, energica e rassicurante (anche dolce, per le confezioni di Canestrellini della Pasticceria genovese Grondona a disposizione del pubblico, e anche simpatica, per lo spogliarello improvvisato del direttore artistico che vuole esibire la bella maglietta di cotone con il logo della Rassegna 2016).

Il primo appuntamento estivo, dopo il successo del 2013, vede il ritorno del ‘Rigoletto’, melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dal dramma ‘Le Roi s’amuse’ di Victor Hugo, alla nostra Fortezza venerdì 17 e sabato 18 giugno (ore 21.15).
Nel ruolo del titolo, Rodolfo Giugliani, Roberto Iuliano come Duca di Mantova, la nostra Linda Campanella ‘Gilda’, Rocco Cavalluzzi ‘Sparafucile’. Nel cast, anche: Sabina Cacioppo, Stefano Marchisio, Romano Franci, Sergio Dos Santos, Paolo Bergo, Simonetta Baldin, Riccardo Ambrosi. Regia di Federico Bertolani. L’Orchestra Filarmonia Veneta sarà diretta dal M° Stefano Romani, il Coro Lirico Veneto avrà M° Flavia Bernardi.

Il secondo titolo in cartellone sarà ‘Lucia di Lammermoor’, dramma tragico in due parti di Gaetano Donizetti su libretto di Salvatore Cammarano, dal romanzo ‘The bridge of Lammermoor’ di Walter Scott, a Piazzale del Maschio giovedì 14 e sabato 16 luglio (stessa ora). Con questo evento, si inaugura l’iniziativa ‘Adotta un nonno’: giovani e meno giovani, sotto i 16 anni e sopra i 65, sono invitati in coppia ad usufruire di ingressi scontati (rispettivamente a 10 e 15 euro) nell’Anteprima di martedì 12 luglio. Simone Alberghini sarà ‘Enrico’, Gilda Fiume ‘Lucia’, Matteo De Sole ‘Edgardo’. Nel cast, anche: Marco Ciaponi, Enrico Iori, Elena Traversi e Raffaele Feo. Regia di Henning Brockhaus ripresa da Valentina Escobar, anche coreografa. L’Orchestra del Carlo Felice di Genova sarà diretta dal M° Sebastiano Rolli, il Coro del teatro avrà M° Patrizia Priarone.
A seguire un appuntamento sinfonico, mercoledì 20 luglio (ore 21.30) con un concerto dedicato a Wolfgang Amadeus Mozart. L’Orchestra Sinfonica di Sanremo sarà diretta da Giancarlo De Lorenzo, oboe solista: Nicola Patrussi.

Poi, un evento legato alla danza, venerdì 22 luglio (ore 21.30), quando andrà in scena ‘Carmen K (Kimera), balletto con la Compagnia Artemis Danza, ideazione e coreografia di Monica Casadei. Di Stefano ci ha già avvisato che il pubblico si dividerà in due: chi applaudirà e chi griderà allo scandalo.

Ancora, venerdì 29 luglio (ore 21.30), un concerto insolito con i ‘Cluster’, per il pubblico più giovane (ne abbiamo avuto un ‘assaggio’ durante la conferenza stampa, grazie a due elementi del gruppo formato da 5 ragazzi, e non vi nascondo la bellezza di quei pochi minuti): si partirà da Mozart e si arriverà a Michael Jackson, e non mancheranno né De André né Tenco.
Infine, mercoledì 3 agosto (sempre stessa ora), conclusioni con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo per un concerto dedicato a Caikovskij e alla Musica del Novecento. Direttore e viola solista: Danilo Rossi.

Questo il programma su cui avremo occasione di ritornare a parlare, in un momento in cui l’Opera Giocosa festeggia i suoi 60 anni dalla nascita (nel febbraio ’56 a Genova), mentre nel 2017 festeggerà i 30 anni a Savona (nel 1987, infatti, si stabilì nella nostra città).
Brevemente, registriamo che nel corso della conferenza stampa è stato anche presentato da Barbara Catellani il libro: ‘Teatri Storici di Liguria’, promosso dalla nostra Regione per la valorizzazione del patrimonio artistico e turistico. Curato da Roberto Iovino e Carla Viazzi, tra gli autori c’è anche la nostra Catellani, responsabile dell’ufficio stampa.

Tra gli interventi, un breve saluto dell’assessore uscente alla cultura del Comune, Elisa Di Padova, ha fatto seguito al complesso discorso del sovrintendente Maurizio Roi, che ha parlato della ‘regionalizzazione’ del Carlo Felice su tutto il territorio, dove assumono importanza strategica tre istituzioni: la fondazione genovese del teatro, appunto, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e la nostra Opera Giocosa. ‘Occorre fare sistema per aumentare la platea estiva, investendo su Savona e attirando il turista’: questo il suo messaggio positivo.

Infine, la parola all’assessore regionale Ilaria Cavo, che si è soffermata sull’importanza di un ‘progetto corposo che giustifica la sua presenza a Savona, e che è garanzia di grande professionalità’. Ha avuto elogi per la nostra Fortezza, dove conta di portare il Presidente della Repubblica Mattarella durante le Celebrazioni Pertiniane di settembre, e ha chiarito come sta procedendo per devolvere i fondi del suo assessorato: in primis, ottemperando agli obblighi per gli enti più importanti; con la parte restante del budget, finanziando i progetti più convincenti.

Brevemente, citiamo anche gli appuntamenti previsti quest’autunno: ‘Nina, o sia la pazza per amore’ di Giovanni Paisiello; ‘Gianni Schicchi’ di Giacomo Puccini; ‘Notte per me luminosa’ di Marco Betta

** Nella foto: Roi, Cavo e Di Stefano

Ultima revisione articolo: