Comunali di Savona, le proposte di Confartigianato ai candidati sindaco

AmministrativeSVCandidatiSavona. Meno burocrazia, più controllo sugli abusivi e sull’evasione. Un occhio di riguardo alle aziende storiche, che vanno avanti con fatica, ma anche più sicurezza e attenzione nei confronti degli anziani. E infine, valorizzare l’aspetto turistico della città, rendendola più pulita e più sicura. Queste le principali richieste che gli artigiani di Savona presentano ai candidati sindaco in vista delle elezioni di domenica 5 giugno. Richieste che Confartigianato Savona ha raccolto in un video per dare voce agli artigiani che, provenendo dai più svariati settori, contribuiscono allo sviluppo globale della città, nonostante le difficoltà che si trovano ad affrontare giorno dopo giorno.

«Migliorare a Savona si può, dobbiamo solo crederci – afferma Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Savona – E ci credono anche i candidati sindaco, che hanno condiviso pienamente le nostre osservazioni. Nei loro confronti ci poniamo come sempre con un stile propositivo e concreto e, da parte loro, ci aspettiamo rapidità, altrettanta concretezza e interventi che migliorino le condizioni per la crescita e lo sviluppo dell’impresa savonese. La strada giusta da percorrere, credendo in questo progetto, è proprio quella di lavorare insieme».

Cristina Battaglia (Pd, Unione di Centro, Anima Savona), Ilaria Caprioglio (Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega Nord, Nuovo Centro Destra), Salvatore Diaspro (Movimento 5 Stelle), Giancarlo Frumento (Altra Savona, Unione Italiana, Cittadini per l’Italia, Socialisti Uniti e Federazione Pensionati Lista Bertone), Marco Ravera (Rete a Sinistra), Giorgio Barisone (Partito Comunista) e Daniela Pongiglione (Noi per Savona) hanno condiviso le proposte di Confartigianato Savona e risposto, in due interviste triple, alle domande poste dall’associazione di categoria.

Una priorità? Per Cristina Battaglia il lavoro. Dello stesso avviso Marco Ravera, mentre per Diaspro e Caprioglio è necessario rilanciare e far ripartire la città. Sicurezza e occupazione sono la priorità per Frumento, mentre per Barisone l’azione prioritaria è il reperimento di fondi, disdettando il debito con le banche.
L’idea di Confartigianato più vicina alle loro policy? La sburocratizzazione è al primo posto per Ilaria Caprioglio e Cristina Battaglia, mentre una politica di sviluppo sostenibile per le imprese è quello che sostiene Salvatore Diaspro. Frumento parla della necessità di formazione, Barisone di servizi sociali e la salute, mentre Ravera è colpito dall’idea di sfruttare al meglio Savona, in particolare il Priamar, come palcoscenico per grandi eventi legati all’artigianato e al territorio.

Parlando di micro e piccole imprese, la priorità di Giorgio Barisone e Salvatore Diaspro per l’imprenditoria artigiana è un netto taglio alla tassazione. A ciò si unisce anche uno snellimento della burocrazia nell’ottica di Frumento, Caprioglio e Battaglia, che sottolinea anche l’importanza di creare un sistema formativo adeguato. Per Marco Ravera la priorità è invece la creazione di uno sportello fisico e telematico per far dialogare imprese ed Europa in chiave di finanziamenti. Priorità che, per Ravera, sarebbe anche il primo impegno se venisse eletto sindaco di Savona. Altre idee invece per gli altri cinque candidati: un dialogo immediato e aperto a tutti, rappresentanze e cittadini, per Cristina Battaglia. Scelta di assessori competenti, soprattutto nel commercio e nel turismo, per Diaspro. Ilaria Caprioglio metterebbe subito mano al bilancio, mentre Frumento inizierebbe a lavorare sulla sicurezza. Requisire le abitazioni sfitte e mettere sul mercato proprietà immobiliari del Comune per l’avviamento di nuove imprese sarebbe invece al primo posto per il candidato Barisone.

Infine, un’azione concreta: riunire intorno a un tavolo tutte le parti economiche e sociali della città per fare luce sul futuro di Savona, secondo Cristina Battaglia, e in particolare sul futuro del Priamar, per Giancarlo Frumento. Per Salvatore Diaspro occorre investire subito nel turismo, mentre per Marco Ravera su una città più verde. Riorganizzazione della macchina comunale per Giorgio Barisone, mentre Ilaria Caprioglio punterebbe su riqualificazione, sicurezza e pulizia.
Al termine delle interviste, ciascun candidato ha lanciato anche un proprio tweet e un proprio hashtag per condensare il poche parole impegni e obiettivi.

Intervista tripla a Cristina Battaglia, Salvatore Diaspro, Ilaria Caprioglio:

Intervista tripla a Giancarlo Frumento, Marco Ravera, Giorgio Barisone:

Le richieste di Confartigianato Savona e degli imprenditori sono raccolte nel seguente video: