Xylella fastidiosa? M5S: “Il Comune di Albenga faccia prevenzione”

Albenga. «I recenti casi del batterio di xylella riscontrati in costa Francesco Di Lieto 2014-07-03azzurra, in particolare a Mentone e Nizza, di cui si son trovati ceppi nelle piante ornamentali presenti nelle rotonde della città, hanno evidenziato come anche nei comuni si possa diffondere questo batterio». A sostenerlo è il consigliere comunale e portavoce del MoVimento 5 Stelle Albenga, Francesco Di Lieto.

«Purtroppo – prosegue la nota – molte delle piante coltivate nel comprensorio albenganese possono essere infettate dalla Xylella tramite un insetto, detto sputacchina, che la trasmette attraverso una puntura.  Le procedure di precauzione prevedono, tra l’altro una zona focolaio di 100 mt dal luogo di ritrovamento della malattia e una zona cuscinetto di 10 km, e questo ha coinvolto la zona di Ventimiglia data la vicinanza di Mentone,  dove attualmente si stanno facendo rilevazioni sulla presenza effettiva del batterio».

«Benché le oltre 500 analisi effettuate dal servizio fitosanitario della regione non hanno  evidenziato la presenza della Xylella sul nostro territorio per evitare possibili focolai come accaduto nei comuni transalpini, abbiamo chiesto al Sindaco di Albenga, attraverso un atto di indirizzo, di emettere un’ordinanza per la rimozione e divieto di ripiantumazione – nel verde pubblico e nelle aiuole di competenza comunale – delle piante presenti nell’elenco emanato dalla comunità europea soggette alla Xylella fastidiosa. Inoltre chiediamo che venga allargato tale invito anche ai comuni limitrofi, a tutela ulteriore della sicurezza e dell’economia del territorio», conclude Di Lieto.