Nozze panoramiche ad Alassio: ci si potrà sposare anche al Belvedere di Santa Croce

Alassio. D’ora in poi sarà possibile convolare a nozze anche al Lucia LeoneBelvedere di Santa Croce. Lo ha deciso il Consiglio Comunale di Alassio, che questa mattina ha dato la propria unanime approvazione al nuovo Regolamento Comunale per la Celebrazione dei Matrimoni Civili, illustrato nel corso della seduta dal Consigliere Comunale Lucia Leone. Nella precedente deliberazione (n. 62 del 27.07.2012) il Consiglio Comunale alassino aveva approvato il regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili individuando, quale “casa comunale” luogo per la celebrazione dei matrimoni civili, la sala che ospita l’ufficio del Sindaco, al primo piano del Municipio, e l’ex Chiesa Anglicana.

“In questi anni, c’è stato un progressivo incremento delle richieste di celebrazioni di matrimoni civili nel Comune di Alassio, non solo da parte di cittadini residenti, ma anche non residenti e stranieri”, spiega Lucia Leone. “Per questo motivo, si è voluto ampliare la possibilità di scelta a un altro sito esterno dalle innegabili caratteristiche estetiche, storiche e ambientali di fruizione turistica, come il Belvedere di Santa Croce. È un luogo incantevole, che domina la nostra città e offre un panorama suggestivo, che risulta ideale per ospitare cerimonie matrimoniali”.

Il Consiglio Comunale ha approvato la delibera con voto unanimemente favorevole da parte dei presenti. Il nuovo regolamento comunale, per l’utilizzo del nuovo sito, prevede un costo da € 800,00 (lunedì-venerdì) ai € 1.000,00 (sabato, domenica e festivi) per residenti e da € 1.200,00 (lunedì-venerdì) a € 1.500,00 (sabato, domenica e festivi) per i non residenti.

“A breve saranno disponibili sul sito web ufficiale del Comune tutte le informazioni – in italiano e in altre lingue straniere – sul nuovo regolamento dei matrimoni civili. Fin da subito dovremo puntare su una generale riqualificazione e sistemazione dell’area, per renderla ancora più accogliente e sede ideale per ospitare gli sposi. Gli introiti per le cerimonie al Belvedere, inoltre, saranno investiti in un capitolo speciale riservato alla promozione turistica e commerciale da parte dell’ente comunale”, aggiunge Lucia Leone.