“Fermiamo il Piano Casa”: Rete a Sinistra scrive a tutti i sindaci della Liguria

Questa mattina il consigliere regionale Gianni Pastorino ha scritto ai Gianni Pastorino235 sindaci della Liguria invitandoli a “intraprendere azioni tempestive per fermare la prima legge-scandalo della Giunta Toti”: «dalla data di pubblicazione della legge, i comuni avranno 60 giorni per decidere come applicare il Piano Casa – ricorda Pastorino -. Gli amministratori potranno indicare in quali aree non ammettere gli ampliamenti e i cambi di destinazione d’uso previsti dalla nuova legge; il che può consentire di escludere l’intero territorio comunale».

Questo il passaggio cruciale, sul quale insiste la lettera di Pastorino: «se non si corre ai ripari, una volta scaduti i fatidici 2 mesi il Piano Casa sarà applicato automaticamente. E non si torna indietro». «Passati i termini, i Comuni non potranno rimediare in alcun modo – sottolinea Pastorino -; per questo chiediamo alle amministrazioni locali di attivarsi immediatamente, approvando una delibera di giunta o del consiglio».

Nel frattempo, hanno superato quota 1000 le firme poste in calce alla petizione di Rete a Sinistra “Salva la Liguria” su Change.org, che si muove parallelamente al percorso istituzionale della lettera.