Regione, tempi contingentati nel voto sul Piano Casa: Rete a Sinistra abbandona l’aula

Il consigliere Gianni Pastorino abbandona l’aula del consiglio Gianni Pastorinoregionale, insieme al resto dell’opposizione, in protesta alla decisione del Presidente Bruzzone di applicare il contingentamento dei tempi nella discussione sul Piano Casa: «Questa decisione costituisce un vero e proprio vulnus nella tenuta democratica del consiglio regionale – dichiara Pastorino -, e fa il paio – lo ricordiamo – con quanto avvenuto con la nostra proposta di legge “Opportunità Scuola”, quando la maggioranza rifiutò la discussione, quindi il voto, del provvedimento».

«Le clamorose forzature del centrodestra proseguono, e rischiano di diventare un’abitudine in senso autoritario»; «Maggioranza barricata (è un evidente segnale di debolezza) e colpevole di non voler raccogliere l’offerta di mediazione avanzata da Rete a Sinistra: in ben due uffici di presidenza convocati d’urgenza, come Rete a Sinistra abbiamo tentato in tutti i modi di trovare un punto di mediazione alto – sottolinea Pastorino -, capace di garantire i diritti della maggioranza, ma soprattutto quelli di un’opposizione che esige qualità della discussione e il rispetto dell’aula».

Approvato il Piano Casa, la seduta rischia di proseguire con tempi contingentati anche nella discussione degli altri provvedimenti, calendarizzati per la seduta odierna.