“Esperienze Illuminanti” a Savona: buono il bilancio del convegno; prosegue la mostra “Luce Tempo ed Energia”

Sabato 12 dicembre si è tenuto nella Sala della Sibilla il convengo Prof. Siccardi“Esperienze Illuminanti” patrocinato da UNESCO e promosso dal Polo Regionale ES Energia Sostenibile, da Università degli Studi di Genova, in collaborazione con Punto a capo.

La manifestazione ha riscosso molto successo e un’ottima affluenza di pubblico, e proprio per questo motivo, sulla base anche delle dichiarazioni di Polo ES, Università e dei partner, si prevede di riproporre una seconda edizione dell’evento da calendarizzare nel prossimo anno.

Molti i temi trattati grazie ai contributi illuminati degli ospiti che si sono susseguiti sul palco: il prof. Franco Siccardi Presidente di Fondazione CIMA che ha presentato l’inedita ricerca sull’analisi dei fulmini come elementi predittivi degli eventi climatici estremi, a cura dei ricercatori Ferraris, Fiori, Molini, Parodi e dello stesso Siccardi; le suggestive fotografie di tempeste e fulmini del dott. Niccolò Ubalducci di GoTStormsPhoto, la dott.ssa Michela Robba, docente presso l’Università di Genova, che ha illustrato l’importanza della pianificazione e gestione dei sistemi energetici sostenibili attraverso la descrizione delle infrastrutture di ricerca presso il Campus di Savona; la prof.ssa Loredana Magistri, Presidente del direttivo Polo ES e il dott. Vincenzo Buscaglia, IENI-CNR, che hanno raccontato come il Polo rappresenti un esempio di collaborazione “illuminata” tra imprese, organismi di ricerca e università, con particolare attenzione allo sviluppo delle celle fotovoltaiche; l’ing. Mariano Rosasco, Amministratore Delegato di S.V. Port Service, che ha posto l’attenzione sul legame tra luce, sicurezza e ambiente per un futuro ecocompatibile; l’ing. Gabriele Calzavara ha analizzato il ruolo sempre più importante che assume l’ingegnere verso il risparmio energetico; ed infine la prof.ssa Aurora Parodi, docente di Dermatologia all’Università di Genova, con l’illustrazione di come i danni dermatologici provocati dalla luce del sole possano essere curati con la terapia fotodinamica.

Il pubblico si è molto appassionato all’intervento di Gianluigi Salvi, termotecnico esperto in fonti rinnovabili a emissioni zero, in compagnia del suo compagno di viaggio il cane Balko, che ha portato la sua esperienza di viaggio e di monitoraggio dei sistemi di monitoraggio delle tecnologie per le tecnologie del risparmio energetico in uso nel nord Europa

Numerosi i giovani tra il pubblico che hanno mostrato molto interesse per gli argomenti trattati, diventando loro stessi protagonisti della manifestazione attraverso gli interventi del prof. Alfonso Gargano e della prof.ssa Angela Vigna, del Liceo Classico Chiabrera di Savona, e di Simone Vallarino e Stefano Bruzzone dell’Associazione Giovani per la Scienza.

«Un particolare ringraziamento – commentano gli organizzatori – alla Fondazione De Mari, che per prima ha creduto nel progetto, alle aziende illuminate: Iren, intervenuta nel corso del convegno attraverso il contributi dell’ing. Cristiano Masciulli e del dott. Paolo Colombo, e ab medica che ha presentato al pubblico il video della mostra “ab medica 3.0” incentrata sulle innovazioni scientifiche che hanno migliorato la vita dei pazienti e che resterà aperta sino al 10 gennaio al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano».

A conclusione del Convegno è stata inaugurata la mostra “Luce, Tempo ed Energia” a cura dell’Associazione Qui Arte, allestita nelle cellette sottostanti la Sala della Sibilla e che resterà aperta sino al 22 dicembre dalle 16.30 alle 18.30. La mostra espone le opere di 40 artisti provenienti da tutta Italia: installazioni, pitture, ceramiche, sculture, ognuno degli artisti ha proposto la propria visione della luce connessa all’energia nella chiave profonda del proprio io.