In Regione un presidio di Rete a sinistra contro il Piano Casa

Nel giorno in cui il Consiglio regionale varerà il Piano Casa, Rete a sinistra organizza un presidio sotto la regione “per sostenere il consigliere Gianni Pastorino in quella che può considerarsi una battaglia appena iniziata”.

Rete a sinistra, dichiarano i militanti in una nota, “ha già presentato in commissione una serie di emendamenti che avevano come elemento determinante un nuovo modello di gestione del territorio: fermare il cemento, rigenerare il paesaggio, sviluppare la partecipazione e abolire il piano casa di Burlando. Nei prossimi giorni presenterà una proposta di legge più articolata, frutto del confronto svoltosi sabato 5 dicembre durante Green Factor, quando a discutere sul Piano casa c’erano amministratori locali (Gianni Pastorino e Enrico Pignone), rappresentanti del sindacato (Fabio Marante, Fillea CGIL), costruttori (Filippo Delle Piane e Massimo Giacchetta), esponenti della società civile come Massimo Quaini e l’arch. Calimani che collabora con la commissione ambiente della Camera”.

“Se in Consiglio regionale Gianni Pastorino è solo, fuori sono in molti a condividere le sue proposte – aggiungono Azzolini e Gaggero – L’appuntamento è per domani alle 17,00 sotto la sede del Consiglio della regione della Liguria”.