“Dialogo interreligioso contro il terrorismo”: incontro alla Ubik di Savona

Savona. Martedì 8 dicembre alle ore 18 presso la Libreria Ubik si terrà l’incontro “Dialogo interreligioso contro il terrorismo” al quale prenderanno parte Hamza Piccardo (scrittore e responsabile di diverse associazioni musulmane in Italia, direttore Islam-online.it), Zahoor Ahmad Zargar (presidente della Comunità dei musulmani della Liguria), don Giovanni Lupino (parroco di Lavagnola), Ada Berta (della Presidenza ARCI). Organizzato in collaborazione con l’Arci, l’incontro sarà moderato da Mimmo Lombezzi (giornalista di “Terra!”, Rete 4).

A Savona, dicono gli organizzatori, «islamici, cristiani e semplici cittadini si incontrano alla Ubik l’8 dicembre (giorno dell’inizio del Giubileo) non solo per condannare il terrorismo dopo gli attacchi terroristici di Parigi, ma anche per riflettere, per riunirsi e per non indietreggiare di fronte alla paura. Come afferma il Presidente della Comunità Musulmana Ligure Zargar: “I terroristi islamici sono criminali e basta. Noi siamo parte integrata della società italiana, ne rispettiamo le leggi, paghiamo le tasse e i nostri figli sono nati e cresciuti qua…”».

«Con le parole dello scrittore islamico Piccardo: “I musulmani onesti denunciano l’abuso della nostra religione per la violenza, l’obiettivo dei terroristi è farci vivere nella paura. L’islamofobia crea tensione e invece avremmo bisogno di convivenza e dialogo. Assieme possiamo battere questo cancro dell’umanità”. Ma c’è anche un altro lato della medaglia. Come dice anche Famiglia Cristiana: “da anni, ormai, si sa che cosa bisogna fare per fermare l’Isis e i suoi complici. Ma non abbiamo fatto nulla, e sono arrivate, oltre alle stragi in Siria e Iraq, anche quelle dell’aereo russo, del mercato di Beirut e di Parigi. L’ISIS  è stato inizialmente armato, finanziato e organizzato dalle monarchie del Golfo (prima fra tutte l’Arabia Saudita) con la compiacenza degli Stati Uniti e la colpevole indifferenza dell’Europa…”».