Assemblea PMI, nuove opportunità per i professionisti

Non solo i fondi strutturali europei, ma un articolato programma di interventi a favore delle piccole e medie imprese per sostenere la crescita economica dei paesi dell’Unione europea. Allo Sme Assembly, l’assemblea annuale delle Pmi che si è aperta oggi in Lussemburgo, il primo vicepresidente del Ceplis (Consiglio europeo delle professioni liberali) e presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, sta tenendo alta la bandiera delle professioni per creare innovative opportunità di collaborazione tese ad assicurare un supporto alle imprese e ai professionisti.

«L’obiettivo dello Sme Assembly è quello di costruire un nuovo modello di sviluppo per le imprese» commenta Stella. «Stiamo lavorando su più fronti, partecipando ai numerosi tavoli di lavoro organizzati dalla Commissione europea per portare le nostre istanze e i nostri suggerimenti a una politica comunitaria che sappia riconoscere pienamente il valore economico e sociale delle libere professioni».

I tavoli aperti dall’Assemblea Pmi in Lussemburgo si focalizzano su sei obiettivi principali: creare un ambiente favorevole alle attività economiche; promuovere le partnership imprenditoriali; migliorare l’accesso ai nuovi mercati e all’internazionalizzazione; facilitare l’accesso al credito; sostenere la competitività e l’innovazione delle Pmi; ridurre la burocrazia e gli oneri amministrativi.

«Su questi temi fondamentali si basa la strategia politica della Commissione europea che ha individuato nelle piccole e medie imprese la spina dorsale dell’economia europea» conclude Stella, sottolineando come a livello comunitario le libere professioni rientrino nell’ampia accezione di imprese che svolgono un’attività economica e producono ricchezza.

Ultima revisione articolo: