Savona, “Le radici della città” alla Fortezza del Priamar

Savona. Quale luogo meglio del Priamar per dissertare sulle radici Savona Priamar fp 02della città? Una rocca, un avamposto, una fortezza e la stratificazione della Storia nei secoli, la sedimentazione di epoche e funzioni diverse. Un filo logico che percorre il tempo e arriva all’alba dei nostri giorni.

«Le radici della città si basano su un valore storico culturale che si traduce in dignità. Si potrebbe dire che sono l’etimologia di una collettività. Dalla fondazione alle vicende nei secoli, allo sviluppo nella contemporaneità. Ovvero l’evoluzione dell’identità. Un tema oggi molto sentito, sia per la “globalizzazione”, sia per la migrazione dei popoli e l’insediamento di presenze d’altre culture, usanze e religioni. Le radici della città sono oggetto di tutela ma al contempo prospettiva di lungimiranza. Perché la città non è solo orgoglio di nascita o luogo da percorrere distrattamente ma bacino di evoluzione e progresso, orizzonte di futuro».

Savona, “Le radici della città” dal 14 al 29 Novembre alla Fortezza del Priamar (Cellette del Palazzo della Sibilla): Inaugurazione sabato 14 novembre ore 17.30; Orari: da martedì a venerdì 15-18; sabato e domenica 10-12 / 15-18

Sul palcoscenico di questa mostra recitano sei autori, pittori e scultori: Alessandro Docci, Ruggero Marrani, Luciano Navacchia, Lucio Perna, Grazia Ribaudo, Paolo Schiavocampo.