Gardini (Confcooperative): «Lo sviluppo passa sempre dalla legalità»

Nell’occasione del Consiglio regionale di Confcooperative Liguria si è

promozione tennis sport
Clicca l'offerta

Promozione. 20% di sconto sui prodotti Asics. Valido solo per gli aritcoli inclusi nella categoria speciale. Non cumulabile con altri sconti. Utilizza online questo codice sconto: 20ASICS

Maurizio Gardini presidente Confcooparative Assemblea Cooperazione Trentina 2013
Maurizio Gardini presidente Confcooparative Assemblea Cooperazione Trentina 2013

ribadita l’importanza di una cooperazione pulita. «Non c’è sviluppo al di fuori della legalità». Chiare, semplici e forti, le parole con cui Maurizio Gardini , president e nazional e di Confcooperative, chiude il Consiglio regionale in Liguria. Un consiglio che ha trattato, tra le altre cose, il grande tema della legalità, in questo momento seriamente minacciato da alcuni episodi deplorevoli.

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

«La cooperazione italiana ha pagato un caro prezzo per colpa di alcuni -ha sottolineato Gardini- le azioni di persone che hanno usato lo strumento cooperativo in modo fraudolento, eludendo i controlli e aprendo e chiudendo nel giro di un anno, hanno leso la credibilità di un intero organo. Lo sviluppo passa sempre e necessariamente per la legalità. Per questo episodi del genere non vanno mai giustificati. Abbiamo lavorato a lungo e, grazie al giudice Raffaele Cantone, abbiamo richiesto nuove norme più rigide e l’ulteriore applicazione molto ferrea, soprattutto nel settore del sociale, dove si è lucrato molto a spese di soggetti deboli e migranti. Tutto questo va a ledere il lavoro duro di novemila cooperative sociali attive in tutto il Paese». Non bisogna lasciare, quindi, che gli episodi fraudolenti venuti a galla, vanifichino un lavoro che ha significato molto negli anni della crisi. Il settore cooperativo, rispetto agli altri, ha segnalato un +7% dell’occupazione negli ultimi anni, dimostrando di avere la capacità per provare ad arginare la crisi.

«Un’indagine Eurisko -ha spiegato Gardini- ha sottolineato come la cooperazione abbia contribuito allo Stato, in gettito fiscale, di +4 punti. Lo stesso vale per la cooperazione femminile. Le dirigenti donne, nel mondo cooperativo, hanno raggiunto +4 punti rispetto ad altre occupazioni. Certo, il tutto con grandi sacrifici. Ma era necessario e doveroso, il patrimonio è sempre uno strumento per arrivare ad altri obiettivi, mai un fine».

In Liguria, infine, come in tutte le altre regioni, il problema dei “nuovi poveri” rischia di diventare sempre più importante. «Questa stagione assembleare ha voluto e vuole lanciare una sfida alle istituzioni -ha continuato Gardini- quella di scrivere un nuovo Welfare inclusivo e non esclusivo, dando un apporto concreto anche a livello imprenditoriale. Sono più che necessarie, inoltre, regole ferree sul codice degli appalti contro la corruzione. Per quanto riguarda l’occupazione giovanile, si sente il bisogno di supportare i giovani adulti nelle Start Up, con un vero braccio operativo. Un dato molto interessante è risultato dal Servizio Civile: il 40% dei ragazzi che ha fatto servizio civile nelle cooperative ha ottenuto un contratto a tempo indeterminato. È proprio da qui che dobbiamo partire per un futuro meno incerto e più solido per i nostri giovani».

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: