Albenga: cittadinanza onoraria a Dori Ghezzi

“Ottobre … De Andrè” , la manifestazione ideata ed organizzata dai oda 2015 cittadinanza 1 tumbarellofieui di caruggi di Albenga in collaborazione con il Comune, ha chiuso i battenti facendo registrare uno straordinario successo di pubblico e di critica. Tra i tanti episodi da ricordare merita sicuramente un posto di rilievo la consegna della cittadinanza onoraria a Dori Ghezzi. In un teatro Ambra gremitissimo, negli ultimi minuti di “Trafficanti di sogni”, il momento conclusivo di “Ottobre … De Andrè”, Gino Rapa, conduttore dello spettacolo, ha invitato accanto a sé tre illustri Albenganesi per ringraziarli del loro aiuto e sostegno. Il primo era Antonio Ricci, ingauno illustre e padrone di casa; il secondo Franco Fasano, che pur noto come alassino, è in realtà nato ad Albenga.

Come terzo albenganese, a sorpresa, è stata chiamata Dori Ghezzi, rimasta ovviamente stupita e perplessa. A questo punto il Sindaco Giorgio Cangiano, chiamato sul palco, ha letto la delibera comunale e ha consegnato la cittadinanza onoraria a Dori Ghezzi per l’attenzione e l’amore dimostrati in tanti anni verso Albenga e, in particolare, il suo centro storico. Per avere contribuito a far conoscere la città e le sue manifestazioni nel mondo della cultura e dello spettacolo, anche attraverso la Fondazione De Andrè.

Un’ovazione del pubblico ha sottolineato questo momento, a riprova della grande ammirazione ed affetto verso la “nuova cittadina” albenganese. Dario Vergassola, con la sua prorompente ironia ha chiosato : “Bene Dori! Dal prossimo anno avrai l’esenzione Imu dalla tua casa in Albenga!”. Pare si tratti dell’unica cittadinanza onoraria concessa nella storia del Comune ingauno.