Grande successo per il Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana

premio 5

di Alfredo Sgarlato – Si è conclusa l’undicesima edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana, ideato da La Compagnia dei Curiosi, in collaborazione col Comune di Loano, e il contributo della Fondazione De Mari, con altre due serate che, come era successo venerdì con Renat Sette ed Elva Lutza, hanno stregato il folto pubblico di appassionati – di musica di ogni genere, non solo quella popolare – che nelle tre serate ha gremito la sala consiliare di Palazzo Doria.

premio1

Sabato pomeriggio prologo alla Biblioteca Civica: Nando Citarella, intervistato da Salvatore Esposito di Blogfolk, ha raccontato la nascita del suo disco “Mozart a sud di Napoli”. L’estroso artista ha anche cantato, recitato, e narrato gustosi aneddoti, come la propria personale scoperta del repertorio mozartiano, grazie a due giostrai che, potendo ascoltare le prove d’opera grazie a un cugino usciere, riproponevano nelle piazze le arie tradotte in napoletano, con Leporello che diventava Pulcinella.

premio2

La seconda serata si apre col premio alla carriera a Luigi Lai, suonatore di “launeddas”, ovvero la tipica zampogna sarda, che si suona con la tecnica della respirazione circolare. Lai quindi si produce in un a solo di una decina di minuti, il pubblico va in visibilio per la bravura del musicista, che esegue ancora un paio di brani accompagnato da Mauro Palmas al mandolino ed Elena Ledda alla voce. Quindi l’Orchestra Bottoni, seconda classificata al premio, una formazione con ben otto organetti, capitanati dal solista Alessandro D’Alessandro, con la cantante Antonella Costanzo e una validissima sezione ritmica, Mario Mazzenga al basso e Raffaele di Fenza alla batteria.

premio3

Il gruppo apre con una bella rivisitazione di “Campagna”, di Napoli Centrale, molto apprezzata da chi, come chi scrive, frequenta il mondo della musica ormai da tantissimi anni, poi si lancia in una serie di brani ritmati e coinvolgenti, dalla tradizione italiana a quella klezmer. La voce della Costanzo è potente e grintosa, unita ad un’ottima capacità di tenere il palco, D’Alessandro improvvisa con eleganza, anche usando l’effetto wah wah, i due ritmi passano con disinvoltura dai tempi jazzati a quelli funky al reggae, con un bel suono morbido del basso. Il pubblico sottolinea con calorosi applausi la prestazione dell’Orchestra. Il gruppo chiama anche sul palco gli altri musicisti presenti in sala, Palmas, Citarella, Lai, Tesi, e il richiestissimo bis, un saltarello, diventa una divertente jam session.

premio4

Chiusura domenica coi vincitori del premio, Riccardo Tesi e Banditaliana, ovvero Maurizio Geri alla chitarra, Gigi Biolcati alle percussioni e Michele Marini sax e clarinetti, il cui disco “Maggio” è stato votato miglior disco del 2014. Anche Banditaliana alterna composizioni proprie e brani tradizionali, viene omaggiata Caterina Bueno, con una filastrocca accompagnata solo da percussioni e con la canzone a lei dedicata da Francesco De Gregori. La musica è molto raffinata, le melodie sanno di Africa, Mediterraneo, Brasile. Il tocco gentile di Tesi all’organetto duetta con Geri e Marini sulle poliritmie di Biolcati, musicisti a loro agio con atmosfere sia etniche, che jazzate, che più vicine alle tradizioni della provincia italiana, creando così una musica senza confini.

premio 4

Oggi non ha senso suonare una musica appiattita sulla tradizione propriamente detta, del resto chi conosce la storia della musica sa come ritmi, stili e strumenti hanno sempre viaggiato contaminandosi. Questo è avvenuto con il concerto di Riccardo Tesi e Banditaliana, così come con i due precedenti: un viaggio nel tempo e per il mondo, come è possibile fare grazie alla musica. Ancora una volta un festival di altissima qualità, che ha emozionato il pubblico presente.

12033562_10205235816992063_1921841349_n 12041884_10205235811231919_608996442_n 12042023_10205235817232069_1454761368_n 12042066_10205235811271920_1701069667_n 12042101_10205235817712081_1569864630_n 12042205_10205235818512101_1080385760_n 12047480_10205235819832134_917456772_n 12047581_10205235820832159_1030567190_n 12048588_10205235811351922_223052787_n 12048763_10205235818072090_209981084_n 12048921_10205235810871910_709248745_n 12049019_10205235818912111_708529664_n 12064349_10205235811111916_411626156_n 12064475_10205235818712106_720557254_n 12067194_10205235817872085_452557184_n 12067256_10205235818352097_893839116_n 12071279_10205235819592128_832048834_n 12071285_10205235817072065_1704127399_n 12071328_10205235819752132_161524318_n 12071556_10205235819552127_1804912779_n 12071883_10205235819872135_1840169881_n 12077081_10205235819312121_293357863_n 12077461_10205235810831909_1977180926_n 12080880_10205235818152092_595546130_n 12080939_10205235818432099_38252149_n 12081494_10205235817552077_728709348_n 12081530_10205235818992113_1276182266_n 12083651_10205235810991913_654471704_n 12083705_10205235817312071_2074999660_n 12083855_10205235820432149_1958649926_n 12083907_10205235819512126_328066230_n 12083914_10205235811071915_127004312_n

*Foto di Andrea Pino,  Alessandro Mazzitelli e Sandro Immordino